Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
==Biografia==
 
Antonella Lualdi nasce a [[Beirut]] perché. Al momento della nascita, il padre, che era un [[ingegneria civile|ingegnere civile]] italiano era incaricato di progettare un ponte nella capitale libanese; avevala sposatomadre unaera greca, nata in [[Egitto|ragazza egiziana]], di origine greca chee vivevaresidente in [[Libano]].
 
Dopo una gavetta [[teatro|teatrale]] durata 5 anni compare a 19 anni nel [[film]] musicale ''[[Signorinella]]'' ([[1949]]); di seguito, nello stesso anno compare anche in ''[[Canzoni per le strade]]'', durante la cui lavorazione conosce l'attore [[Franco Interlenghi]], che sposerà nel 1955.
Viene considerata subito una star al pari della [[Lucia Bosè|Bosè]] e della [[Gina Lollobrigida|Lollobrigida]]; negli [[anni 1950|anni cinquanta]] inanella vari successi come ''[[Miracolo a Viggiù]]'' ([[1951]]), ''[[Ha fatto 13]]'' (1951), ''[[La cieca di Sorrento (film 1952)|La cieca di Sorrento]]'' ([[1952]]), ''[[È arrivato l'accordatore]]'' (1952), ''[[Il cappotto]]'' (1952) di [[Alberto Lattuada]].
 
Nel frattempo conosce il futuro marito, l'attore [[Franco Interlenghi]], reduce dal successo de ''[[I vitelloni]]'' ([[1953]]), di [[Federico Fellini]], di tre mesi più giovane, da cui ha due figlie: [[Antonella Interlenghi|Antonellina]], anch'ella attrice, e [[Stella Interlenghi|Stella]] che ha partecipato al film ''[[Top Crack]]'' (1967).
 
Le nozze fanno successo e i due recitano in ''[[Il più comico spettacolo del mondo]]'' (1953), ''[[Gli innamorati]]'' ([[1955]]) e ''[[Padri e figli (film 1957)|Padri e figli]]'' (1957) di [[Mario Monicelli]]. Senza il marito lavora in ''[[A Parigi in vacanza]]'' ([[1957]]), ''[[Il colore della pelle]]'' ([[1959]]), ''[[I delfini (film)|I delfini]]'' ([[1960]]), ''[[Appuntamento ad Ischia]]'' (1960), ''[[Il disordine (film 1962)|Il disordine]]'' ([[1962]]), ''[[Gli imbroglioni (film 1963)|Gli imbroglioni]]'' ([[1963]]), ''[[Se permettete parliamo di donne]]'' di [[Ettore Scola]] ([[1964]]) accanto a [[Vittorio Gassman]], ''[[La colonna di Traiano]]'' ([[1969]]) e ''[[Un caso di coscienza (film)|Un caso di coscienza]]'' ([[1969]]).
Utente anonimo