Differenze tra le versioni di "Bagnomaria"

m
Bot: parentesi quadre automatiche nel template {{nota disambigua}}
(Sistemato il paragrafo con formattazione corretta e riportato il testo precedente (quello aggiunto era incomprensibile))
m (Bot: parentesi quadre automatiche nel template {{nota disambigua}})
{{Nota disambigua|il film di [[Giorgio Panariello]]|[[Bagnomaria (film)]]}}
 
[[File:Bain-marie.JPG|thumb|Utilizzo del bagnomaria per [[fusione (fisica)|fondere]] del [[cioccolata|cioccolato]].]]
Per preparare un bagnomaria, si prepara anzitutto il composto da sottoporre al trattamento all'interno di un recipiente. Quindi si riempie di liquido, in genere [[acqua]], un altro recipiente di forma e dimensioni adatte a contenere il primo recipiente in modo agevole e sicuro. Si mette il primo dentro il secondo e quest'ultimo sul fuoco o direttamente in [[forno]]<ref>[http://cucina.corriere.it/scuola-di-cucina/cucina-al-vapore/145/cottura-bagnomaria_338ddad2-1b09-11df-af4a-00144f02aabe.shtml Cottura a bagnomaria - Corriere della Sera<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>.
 
Il calore manterrà calda l'acqua e a partire da questa lentamente [[calore]] al composto, in modo delicato e ben controllabile. <br />
La tecnica richiede tempi lunghi, ma è molto usata in pasticceria. Consente infatti di avere un maggior controllo sul grado di cottura di alcuni composti che altrimenti patirebbero degli sbalzi di calore violenti, come alcuni a base di uova, miele, zucchero. Tra le preparazioni più note ricordiamo il [[pan di Spagna]], il [[torrone]], i [[budini]] della famiglia delle ''crème caramel'', in alcuni casi il [[Caramello|caramello biondo]], e alcune ricette di [[marmellata]].
Il bagnomaria è usato anche per rendere nuovamente fluido il miele cristallizzato.
2 716 391

contributi