Fake: differenze tra le versioni

27 byte rimossi ,  6 anni fa
m
Bot: parentesi quadre automatiche nel template {{nota disambigua}}
m (→‎Altri progetti: smistamento lavoro sporco e fix vari)
m (Bot: parentesi quadre automatiche nel template {{nota disambigua}})
{{nota disambigua|il manga omonimo|[[Fake (manga)]]}}
{{nota disambigua|il gruppo musicale omonimo|[[Fake (gruppo musicale)]]}}
'''Fake''' è un termine [[lingua inglese|inglese]], che sta a significare ''falso'', ''contraffatto'', ''alterato''.<ref>[http://dizionari.corriere.it/dizionario_inglese/Inglese/F/fake.shtml Dizionario Sansoni] da sito del Corriere.</ref>
Come neologismo italiano, è stato usato per indicare ''la sostituzione di contenuti pubblicitari con slogan di protesta, come critica a certe politiche aziendali''<ref>[http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/neologismi/searchNeologismi.jsp?abcd=abdc&pathFile=/sites/default/BancaDati/Osservatorio_della_Lingua_Italiana/OSSERVATORIO_DELLA_LINGUA_ITALIANA_ND_012157.xml&lettera=F Neologismi] da Treccani.it</ref>.
 
=== Alex e Joan ===
Uno degli episodi più celebri inerenti al fenomeno dei ''fake'' avvenne nel [[1982]]-[[1983]] sulla [[chat]] [[Stati Uniti d'America|americanastatunitense]] di [[CompuServe]], ed è ricordato col nome "AlexAndJoan" ("Alex e Joan"). Alex (nella vita reale un riservato [[psichiatria|psichiatra]] cinquantenne di [[New York]]) si spacciò a lungo per una donna muta, una neuropsicologa altezzosa e antireligiosa, divenuta paraplegica in seguito ad un incidente stradale, di nome Joan. La sua spiegazione fu che il suo era un esperimento messo in atto "per poter meglio relazionarsi con le proprie pazienti". L'impostura andò avanti per due anni e "Joan" divenne un personaggio assai dettagliato, con una complessa rete di relazioni emotive: la storia finì solo quando "Joan" coinvolse un amico conosciuto online in un incontro con Alex.
 
''Anche quelli che conoscevano poco Joan si sentirono coinvolti (e in qualche misura traditi) dall'inganno di Alex. A molti di noi online piace pensare di essere una comunità [[Utopia|utopica]] del futuro, e l'esperimento di Alex ci ha dimostrato che la tecnologia non è una difesa contro le truffe. Abbiamo perso la nostra innocenza, se non la nostra fede.'' (Van Gelder, 1996, p.534)
3 185 928

contributi