Apri il menu principale

Modifiche

65 byte aggiunti ,  14 anni fa
In tono dispregiativo era conosciuto negli [[anni 1980|anni '80]] come "il ''barrio'' della [[spazzatura]]", a causa del deposito dei rifiuti della città che fino agli inizi degli [[anni 1990|anni '90]] si trovava al suo ingresso. Lo sviluppo urbano ha suggerito agli amministratori di bonificare il deposito e di traslarlo un 10 Km più a nord, nelle vicinanze della comunità di [[Duquesa]].
 
== Ambiente umanoesterno ==
 
Socialmente, si tratta di una zona molto povera:.
 
===Casa===
* L'[[abitazione]] media è edificata in blocchetti di [[cemento]], senza [[intonaco]], e ha dimensione di 6x12 [[metro|metri]], suddivisi da pareti di [[compensato]] in 4 o 5 vani: una "veranda" esterna, chiamata localmente ''galería'', salotto, cucina, una o due camere da letto. Le pareti interne non raggiungono il tetto, per lasciar circolare meglio l'aria nella stagione calda. La copertura è di [[lamiera]] ondulata inchiodata su una travatura di [[legno]]. Le [[finestra|finestre]] hanno le inferriate per proteggere dai ladri, e al posto del [[vetro]] c'è una serranda che ricorda le nostre tende alla veneziana, ma è fissa e di metallo, e non isola (non ce n'è bisogno, la [[temperatura]] non scende mai sotto i 18 [[gradi centigradi]]). Inoltre esiste sempre un "[[bagno]]", esterno alla casa, a volte ancora con un buco come latrina, e che serve per fare la "[[doccia]]" (un dominicano si lava anche 4 o 5 volte al giorno!). Chi si è stabilito da poco ha ancora le pareti di legno, ma si nota uno sforzo grande per migliorare questa condizione: appena possibile si tira su un muro esterno di blocchetti (diventerà il muro della casa rinnovata), e chi può fa il tetto di cemento. Però all'interno lo spazio rimane "stretto": spesso si dorme tutti nella stessa camera, i [[letto|letti]] attaccati uno all'altro (se ci sono!), gli armadi non esistono e i vestiti sono appesi a bastoni sistemati negli angoli della camera.
 
L'[[abitazione]] media è edificata in blocchetti di [[cemento]], senza [[intonaco]], e ha dimensione di 6x12 [[metro|metri]], suddivisi da pareti di [[compensato]] in 4 o 5 vani: una "veranda" esterna, chiamata localmente ''galería'', salotto, cucina, una o due camere da letto.
* Le [[strada|strade]]: le principali sono [[asfalto|asfaltate]] (a parte buchi, solchi e tratti rovinati). Tutte le altre sono in terra, e si trasformano in fango appena [[pioggia|piove]]. L'[[urbanizzazione]] è avvenuta in molti punti con il semplice tracciamento delle strade da parte del comune, ossia facendo un marciapiedi di cemento sotto al quale sono stati posti, in qualche urbanizzazione più pensata, i grandi tubi della [[fognatura]]; ai lati la gente ha costruito la sua casa. Altrove è stato il comune, o lo stato, a costruire le case, palazzine a più piani, destinate in qualche caso ad accogliere famiglie sfrattate da altri quartieri; tipico il quartiere che esisteva dove per il 1992 è stato eretto il [[faro a Colombo]]: molti suoi abitanti hanno ricevuto una casa in Guaricano.
 
Le pareti interne non raggiungono il tetto, per lasciar circolare meglio l'aria nella stagione calda. La copertura è di [[lamiera]] ondulata inchiodata su una travatura di [[legno]].
* Le [[scuola|scuole]] sono insufficienti. Il primo governo di [[Leonel Fernández]] ([[1996]]-[[2000]]) ha ripreso a costruire, dopo anni di incuria, un complesso iniziato dal governo precedente, per una capienza di 24 aule. Purtroppo l'inettitudine ha fatto sì che l'opera sia rimansta ancora una volta incompiuta. Molti bambini - soprattutto se non sono dichiarati - rimangono esclusi dalla scuola, e passano le giornate giocando nel fango delle strade, senza che i genitori se ne curino. Attualmente è fortissima la domanda di un liceo per Guaricano, a cui si sta dando risposto costruendo una [[scuola professionale]]; l'opera è resa possibile da un finanziamento del [[BID]], ''Banco Interamericano de Desarrollo'' (Banca Interamericana di Sviluppo). A fronte di 25 classi dell'ottavo della primaria (corrispondente alla terza media italiana), ci sono solo 8 classi diurne di prima liceo. Le 4 prime liceo serali sono sconsigliabili e temutissime per il clima di violenza che infesta il ''barrio'' di notte.
 
Le [[finestra|finestre]] hanno le inferriate per proteggere dai ladri, e al posto del [[vetro]] c'è una serranda che ricorda le nostre tende alla veneziana, ma è fissa e di metallo, e non isola (non ce n'è bisogno, la [[temperatura]] non scende mai sotto i 18 [[gradi centigradi]]). Inoltre esiste sempre un "[[bagno]]", esterno alla casa, a volte ancora con un buco come latrina, e che serve per fare la "[[doccia]]" (un dominicano si lava anche 4 o 5 volte al giorno!).
* Sono carenti i servizi sociali più elementari: vi sono alcune strutture medico-ambulatoriali, gestite dalla [[chiesa cattolica]] o da chiese [[evangelici|evangeliche]]. Ve ne sono altre private (care), pubbliche (abbastanza inefficienti) e gestite da ONG. Mancano completamente i servizi per anziani e gli asili infantili. Nel 2005 la Chiesa Cattolica ha cominciato un servizio di [[ambulanza]].
 
Chi si è stabilito da poco ha ancora le pareti di legno, ma si nota uno sforzo grande per migliorare questa condizione: appena possibile si tira su un muro esterno di blocchetti (diventerà il muro della casa rinnovata), e chi può fa il tetto di cemento. Però all'interno lo spazio rimane "stretto": spesso si dorme tutti nella stessa camera, i [[letto|letti]] attaccati uno all'altro (se ci sono!), gli armadi non esistono e i vestiti sono appesi a bastoni sistemati negli angoli della camera.
* La spazzatura regna ovunque, inquinando l'ambiente e producendo fetori. A volte viene bruciata, ad aumentare la quantità di fumo e di inquinanti che si respirano.
 
===Strade===
 
Le [[strada|strade]]: le principali sono [[asfalto|asfaltate]] (a parte buchi, solchi e tratti rovinati). Tutte le altre sono in terra, e si trasformano in fango appena [[pioggia|piove]].
 
L'[[urbanizzazione]] è avvenuta in molti punti con il semplice tracciamento delle strade da parte del comune, ossia facendo un marciapiedi di cemento sotto al quale sono stati posti, in qualche urbanizzazione più pensata, i grandi tubi della [[fognatura]]; ai lati la gente ha costruito la sua casa.
 
Altrove è stato lo stato, a costruire le case, palazzine a uno o più piani, destinate in qualche caso ad accogliere famiglie sfrattate da altri quartieri; tipico il quartiere che esisteva dove per il 1992 è stato eretto il [[faro a Colombo]]: molti suoi abitanti hanno ricevuto una casa in Guaricano.
 
===Scuole===
 
Le [[scuola|scuole]] sono insufficienti. Il primo governo di [[Leonel Fernández]] ([[1996]]-[[2000]]) ha ripreso a costruire, dopo anni di incuria, un complesso iniziato dal governo precedente, per una capienza di 24 aule. Purtroppo l'inettitudine ha fatto sì che l'opera sia rimansta ancora una volta incompiuta.
 
Molti bambini - soprattutto se non sono dichiarati - rimangono esclusi dalla scuola, e passano le giornate giocando nel fango delle strade, senza che i genitori se ne curino.
 
* Le [[scuola|scuole]] sono insufficienti. Il primo governo di [[Leonel Fernández]] ([[1996]]-[[2000]]) ha ripreso a costruire, dopo anni di incuria, un complesso iniziato dal governo precedente, per una capienza di 24 aule. Purtroppo l'inettitudine ha fatto sì che l'opera sia rimansta ancora una volta incompiuta. Molti bambini - soprattutto se non sono dichiarati - rimangono esclusi dalla scuola, e passano le giornate giocando nel fango delle strade, senza che i genitori se ne curino. Attualmente è fortissima la domanda di un liceo per Guaricano, a cui si sta dando risposto costruendo una [[scuola professionale]]; l'opera è resa possibile da un finanziamento del [[BID]], ''Banco Interamericano de Desarrollo'' (Banca Interamericana di Sviluppo). A fronte di 25 classi dell'ottavo della primaria (corrispondente alla terza media italiana), ci sono solo 8 classi diurne di prima liceo. Le 4 prime liceo serali sono sconsigliabili e temutissime per il clima di violenza che infesta il ''barrio'' di notte.
 
===Salute===
 
* Sono carenti i servizi sociali più elementari: vi sono alcune strutture medico-ambulatoriali, gestite dalla [[chiesa cattolica]] o da chiese [[evangelici|evangeliche]]. Ve ne sono altre private (care), pubbliche (abbastanza inefficienti) e gestite da ONG. Mancano completamente i servizi per anziani e gli asili infantili. Nel 2005 la Chiesa Cattolica ha cominciato un servizio di [[ambulanza]].
 
===Spazzatura===
 
* La spazzatura regna ovunque, inquinando l'ambiente e producendo fetori. A volte viene bruciata, ad aumentare la quantità di fumo e di inquinanti che si respirano.
 
== Matrimonio e famiglia ==