Apri il menu principale

Modifiche

 
In generale la loro dieta comprende semi, rifiuti di vario genere, ma sono onnivori e si cibano di carne tra cui anche le chiocciole che sono tra le loro prede preferite.}}
 
== S MAGN'N A GEEEEEENT ==
 
== Tassonomia ==
Il corvo ha fama di "uccello del malaugurio": questa fama è in un certo senso certificata letterariamente anche dallo scrittore statunitense [[Edgar Allan Poe]], il quale, nel suo Procedimento di Composizione, con il quale descrive come giunse a comporre il suo noto poema in versi [[Il corvo e altre poesie|Il corvo]], afferma: «Ero così giunto alla concezione di un Corvo, l'uccello di malaugurio che va reiterando con monotonia l'unica parola ''mai più'' …».<ref>Edgar Allan Poe, ''The Philosophy of Composition'', comparso sul numero di aprile 1846 del ''The Graham's Lady's and Gentleman's Magazine'' di [[Filadelfia (Stati Uniti d'America)|Filadelfia]]; da: ''Racconti Straordinari - Racconti grotteschi e seri'', con la traduzione di Franco della Pergola, Edizioni per Il Club del Libro, 1957</ref>
 
La fama maleaugurante gli deriva anche dalla sua predilezione per le carogne, che ha dato origine ad espressioni come «Finire in pasto ai corvi», per indicare il morire (magari anche insepolti).<ref name="Apollo">[[Alfredo Cattabiani]], ''Volario'', Mondatori, Milano, 2000, ISBN 88-04-47991-4, pag. 295</ref>
Avendogli il dio [[Apollo]] mutate le penne da bianche a nere per punirlo di avergli portato una brutta notizia, è divenuto anche simbolo del delatore.<ref name=Apollo/>
 
Utente anonimo