Differenze tra le versioni di "Karuta"

17 byte rimossi ,  5 anni fa
m
spazio indivisibile
m (spazio indivisibile)
 
==Uta karuta==
L'Uta Karuta  ("carte delle poesie"), o semplicemente  Karuta  ("carte"), anche detto in occidente "carte dei 100 poeti", è un gioco tradizionale, non basato sull'azzardo, praticato in tutto il Giappone soprattutto a Capodanno; persino le scuole ne indicono spesso dei tornei.Le duecento carte presenti nella confezione riproducono brevi composizioni giapponesi da un'antologia classica di cento poesie chiamata  Hyaku-nin Isshu  ("cento autori, una poesia").Metà delle quali contengono la prima parte di 100 [[poesia|poesie]] tradizionali chiamate '''uta''', l'altra metà ne contengono la seconda parte. Queste ultime vengono sparse davanti ai giocatori mentre le altre le raccoglie un lettore che le legge una alla volta, prendendole a caso. Il primo giocatore che prende tra le carte sparse quella che contiene la fine della poesia che il lettore sta leggendo, si aggiudica la carta. Vince naturalmente chi alla fine è riuscito ad accaparrarsi più carte. Le carte sono generalmente in legno in questo tipo di karuta. L'antologia fu compilata nel XIII  secolo, da opere preesistenti. Ciascuna delle cento poesie, ispirate all'amore, alle stagioni, e a diversi altri temi, è scritta da un autore differente. Il loro stile tradizionale è chiamato  tanka  ("breve canzone") o, anticamente,   waka  ("poesia armoniosa"): ogni poesia è composta da appena cinque versi, per un totale di trentuno sillabe.
 
==Le origini dell'Uta Karuta==
L'origine dell'Uta Karuta  risale ai primi del Seicento, circa mezzo secolo dopo l'introduzione dei mazzi occidentali in Giappone da parte dei naviganti portoghesi (cfr.  la storia delle carte locali nella  galleria giapponese).Tuttavia, prima che venisse ideato questo gioco, i nobili e l'alta società ne praticavano già uno simile usando conchiglie marine su cui era dipinto un testo. Questo era l'Uta Awase("combinazione di poesie"), in cui mezza poesia era scritta su una conchiglia e i rimanenti versi erano su una seconda, la quale nel gioco doveva essere correttamente combinata con la prima.Una di queste serie di conchiglie è mostrata nella pagina  "EXHIBITION"  del Museo delle Carte da Gioco di Miike.In effetti l'Uta Karuta  non modificò la struttura del gioco precedente, ma l'utilizzo di un materiale più a buon mercato come la carta, anziché le conchiglie, fece sì che il passatempo crescesse di popolarità anche fra la gente comune.
 
Per maggiori informazioni: [http://a_pollett.tripod.com/cards9ai.htm]
1 169 848

contributi