Differenze tra le versioni di "Giuseppe Giusti"

m
m (spazio indivisibile)
=== La vicenda letteraria ===
 
«L'ultima batosta – scriveva al Vannucci, il 14 settembre 1844 – avuta a Livorno fu così inaspettata e così fiera, che io credeva di dover finire inchiodato in un fondo di letto». A sua insaputa, nel 1844 a Lugano, venivano pubblicate alcune sue poesie, ad opera di un anonimo editore, forse ben intenzionato, ma non troppo scrupoloso (''Poesie italiane tratte da una stampa a penna'', Italia, 1844). L’edizione, curata da [[Cesare Correnti]], che ne dettò la prefazione, fu pubblicata a spese del Ciani, presso la Tipografia della Svizzera Italiana a Lugano; ma, dapprima, fu attribuita, erroneamente, alle cure di [[Giuseppe Mazzini]].
 
Il Giusti se ne risentì vivacemente e infatti, subito dopo, dava alle stampe i ''Versi'' nell'edizione di Livorno (''Versi di Giuseppe Giusti'', Livorno, Tipografia Bertani e Antonelli, 1844), nella cui dedica alla marchesa Luisa D'Azeglio manifestava il suo sdegno contro lo «stampatore sfrontato e disonesto». Del libretto, mandò molte copie agli amici, dolente di non aver potuto produrre qualcosa di più ampio. Per consolidare la sua fama di poeta, nell'anno seguente, 1845, il Giusti, fece pubblicare dalla tipografia Fabiani, di Bastia, trentadue dei suoi «scherzi».
 
Questa raccolta non portava il nome dell’autore, ma ormai tutti erano a conoscenza della paternità di quei versi (''Versi'', Bastia, Tipografia Fabiani, 1845). Nell'agosto del 1845, convinto dall'amico Giovanbattista Giorgini, il poeta di Monsummano si decise a partire, in compagnia della marchesa D'Azeglio e di Vittorina Manzoni, figlia di Alessandro Manzoni, per Milano, «...senza un cencio di passaporto, senza un soldo in tasca». Grande curiosità ed interesse suscitò l'arrivo a Milano del Giusti. I versi pubblicati a Bastia correvano per tutte le mani, rispondendo alle attese dei sentimenti di libertà e d'indipendenza che pervadevano il paese da sud a nord. Il Manzoni accolse il «toscano Aristofane» come un suo pari e lo volle ospite per tutto il tempo del suo soggiorno in Lombardia (circa un mese): «Che pace – scriveva il poeta – che amore, che buona intelligenza tra loro! In Alessandro non so se sia maggiore la bravura o la bontà; l'unico che mi rammenti d'aver conosciuto sul taglio di lui, è il Sismondi». A Milano il poeta conobbe gli scrittori e gli intellettuali della cerchia manzoniana: [[Tommaso Grossi]], [[Giovanni Torti]], il [[Antonio Rosmini|Rosmini]], gli Arconati, i Litta-Modigliani, Luigi Rossari. Il Manzoni aveva apprezzato il Giusti prima ancora di conoscerlo personalmente.
1 124

contributi