Apri il menu principale

Modifiche

Chiede pertanto un'udienza a Bonaparte per protestare e l'ottiene, ma senza alcun risultato. In seguito riceve una lettera della contessa che lo chiama a Venezia perché riveda suo padre e riprenda in società il posto che si conviene ad un rappresentante del casato [[patrizio (titolo)|patrizio]] degli Altoviti.
 
===Capitolo XI-XII-XIII-XIV-XV-XVI===
 
Carlino viene così riconosciuto come figlio legittimo e nella seduta del 2 aprile [[1797]] entra a far parte del Maggior Consiglio, come patrizio votante. In seguito però agli avvenimenti politici appoggia l'idea [[Democrazia|democratica]] [[Francia|francese]] e quando viene proclamata a Venezia la repubblica popolare viene nominato primo segretario.
Utente anonimo