Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
|legenda =
|nome completo = ''Publius Rutilius Lupus''
|data di nascita = [[20]]
|luogo di nascita = ''[[Florentia]]''
|data di morte =
|Gens = [[Gens Rutilia|''Rutilia'']]
|Gens2 =
|padre = [[Publio Rutilio Lupo (pretore 49 a.C.)|Publio Rutilio Lupo]]
|padre =
|madre =
|questura =
|LuogoNascita =
|GiornoMeseNascita =
|AnnoNascita = [[85 a.C.20]] circa
|LuogoMorte =
|GiornoMeseMorte =
 
==Biografia==
(Esponente della ''[[FirenzeGens Rutilia|Gens Rutilia Lupia]]'', ritenuto figlio dell'[[20|20Publio dRutilio Lupo (pretore 49 a.C.]] - ?)|omonimo altro esponentetribuno della famiglia, ritenuto figlioplebe]] del precedente,56 a.C.. fuFu scrittore e storico e fiorì sotto il regno dell'imperatore [[Tiberio Claudio Nerone|Tiberio]]. È stato identificato come il ''Lupus'' citato nel ''Catalogo dei Poeti'' di [[Ovidio]]. Scrisse il trattato di grammatica e retorica latine ''De figuris sententiarum et elocutionis'' e lo ''Schemata dianoeas el lexeos''. Il trattato ''De figuris...'' venne ancora citato come riferimento linguistico dal celebre grammatico del Cinquecento, [[Pierfrancesco Giambullari]], (1495-1555), nel suo ''Regole della lingua fiorentina''.<ref>Scheda bibliografica: ''Antiqui rhetores latini : Rutilius Lupus, Aquila Romanus, Iulius Rufinianus De figuris sententiarum & elocutionis ... / omnia ex codd. manusc. emendatiora vel auctiora ex bibliotheca Francisci Pithoei IC ; index in omnes superiore authores''. – Parisiis : apud Ambrosium Drouart ..., 1599. – [4], 382, [16] p. ; 4°; Segn.: p2, A–Z4, Aa–Zz4, Aaa4, Bbb2, Ccc–Ddd4. Esemplare: Legato Tassinari. Legatura in pergamena semifloscia di 23,5x17,5x4 cm. Tracce di lacci sui piatti. Tagli di colore rosso. Sul dorso nota ms: "Antiqui / Rhetores / Latini / 1599". Sul front. nota ms: "Coll.i Florent.i cat.o riscrip.". Legato con: "Petri Sainct Fleur Monspeliensis Intitutionum rhetoricarum libellus ad Aristotelis ...". Impronta : n-i- t?in m.t. PAdi (3) 1599 (R); Biblioteca Comunale "Renato Fucini" di Empoli, Collocazione: 2-M-5-6439</ref>
 
Il trattato ''De figuris...'' venne ancora citato come riferimento linguistico dal celebre grammatico del Cinquecento, [[Pierfrancesco Giambullari]], (1495-1555), nel suo ''Regole della lingua fiorentina''.<ref>Scheda bibliografica:
{{citazione|Antiqui rhetores latini: Rutilius Lupus, Aquila Romanus, Iulius Rufinianus De figuris sententiarum & elocutionis [...] / omnia ex codd. manusc. emendatiora vel auctiora ex bibliotheca Francisci Pithoei IC; index in omnes superiore authores.|Parisiis: apud Ambrosium Drouart [...], 1599. – [4], 382, [16] p. ; 4°; Segn.: p2, A–Z4, Aa–Zz4, Aaa4, Bbb2, Ccc–Ddd4. Esemplare: Legato Tassinari. Legatura in pergamena semifloscia di 23,5x17,5x4 cm. Tracce di lacci sui piatti. Tagli di colore rosso. Sul dorso nota ms: "Antiqui / Rhetores / Latini / 1599". Sul front. nota ms: "Coll.i Florent.i cat.o riscrip.". Legato con: "Petri Sainct Fleur Monspeliensis Intitutionum rhetoricarum libellus ad Aristotelis ...". Impronta : n-i- t?in m.t. PAdi (3) 1599 (R); Biblioteca Comunale "Renato Fucini" di Empoli, Collocazione: 2-M-5-6439}}</ref>
 
== Note ==