Differenze tra le versioni di "Interazione forte"

m
(m)
[[File:Helium atom QM.svg|right|thumb|250px|[[Nucleo atomico]] di [[Elio]] formato da 2 [[protoni]] e due [[neutroni]]. I protoni hanno analoga carica magnetica positiva, ma la interazione forte impedisce la loro separazione, che sarebbe dovuta a causa della [[Interazione elettromagnetica|forza elettromagnetica]]. Questa rappresentazione è artistica, in realtà il nucleo ha una simmetria sferica (è cioè un miscuglio dinamico di [[quark]]). La scala è di 1 [[Ångström|Å]], che sono 0.1nm, o 100pm (vedi alla voce ''[[Metro#Multipli_e_sottomultipli|metro]]'').]]
 
L'interazione forte può essere osservata in scala più piccola fra [[quark (particella)|quark]] a formare i [[Protone|protoni]], i [[Neutrone|neutroni]] ed altre particelle, e, in scala più grande (dove si parla più propriamente di "forza nucleare forte"), fra protoni e fra neutroni a formare il nucleo dell'[[atomo]]. Nel primo caso, le [[Particella (fisica)|particelle]] mediatrici dell'interazione sono i [[Gluone|gluoni]], nel secondo, i [[Pione|pioni]].
 
Come tutte le interazioni fra particelle subnucleari, è trattata con la forma di una [[teoria quantistica dei campi]] all'interno del [[Modello standard]]; l'interazione forte è trattata in particolare dalla [[Cromodinamica quantistica]] (QCD).
Utente anonimo