Differenze tra le versioni di "Narratore"

34 byte aggiunti ,  5 anni fa
m
Bot: Aggiungo il tag <references /> mancante; modifiche estetiche
(Ho inserito il manuale dal quale ho tratto la definizione.)
m (Bot: Aggiungo il tag <references /> mancante; modifiche estetiche)
Questo tipo di differenziazione si applica anche alla funzione della [[musica]] nel [[cinema]] e nel [[teatro]]. In questo caso la musica intradiegetica è quella che costituisce parte della vicenda, e che in quanto tale viene udita anche dai personaggi, mentre quella extradiegetica ha funzione di commento o di sottolineatura sonora ed implica di conseguenza la presenza di un narratore.
 
== Esempi ==
* [[Dante]], nella ''[[Divina Commedia]]'', è un esempio di narratore autodiegetico e omodiegetico, dalla focalizzazione interna.
* L'Anonimo di [[Manzoni]] ne ''[[I Promessi Sposi]]'' è un narratore eterodiegetico onnisciente a focalizzazione zero.
* Ne ''[[Il Nome della Rosa]]'' di [[Umberto Eco]], il narratore Adso de Melk è autodiegetico onnisciente, in quanto lui narra da vecchio vicende avvenute durante la sua giovinezza e dunque conosce già lo svolgimento di esse. La focalizzazione è interna.
* Nei libri di ''[[Harry Potter e la pietra filosofale (film)|Harry Potter]]'' il narratore è eterodiegetico con focalizzazione interna (nel protagonista). Le vicende sono narrate in terza persona. Tuttavia, non mancano alcuni capitoli nel corso dei sette libri in cui il narratore racconta vicende al di fuori del punto di vista del protagonista Harry. I casi di questo tipo sono chiamati focalizzazioni interne variabili.<ref>{{Cita libro|autore = Paolo Giovannetti|titolo = Il racconto
Letteratura, cinema, televisione|anno = 1° ristampa maggio 2015|editore = Carocci editore Studi Superiori|città = |p = |pp = |ISBN = }}</ref>
 
==Voci correlateNote ==
<references />
 
== Voci correlate ==
* [[Parallissi]]
 
494 564

contributi