Differenze tra le versioni di "Nastro trasportatore"

m
smistamento lavoro sporco e fix vari
m (WPCleaner v1.36 - Disambigua corretto un collegamento - Tapis roulant)
m (smistamento lavoro sporco e fix vari)
[[ImmagineFile:Förderband01.jpg|thumb|Nastro trasportatore in una vecchia miniera di [[lignite]]]]
Il '''nastro trasportatore''' è un dispositivo adibito al [[trasporto]] di oggetti o materiali disponibili in massa (laterizi, sabbia, alimentari, prodotti industriali, pacchi, esseri viventi) e destinati all'elaborazione in scala industriale, come la produzione in una [[catena di montaggio]].
Rispetto ad altre forme di trasporto rappresentano il vantaggio di un basso consumo di energia, basso costo di sorveglianza e possibilità di grandi portate.
Il nastro o ''tappeto'', solitamente in gomma, (o anche [[plastica]] ed [[acciaio]]) forma una banda chiusa ad anello e quindi senza fine, trainata da [[Rullo (trasporto)|rulli]] o pignoni. Il concetto di base ricorda quindi quello della catena di una [[bicicletta]].<ref name="CF System">[http://www.cfsystem.it/cf/nastri-trasportatori.htm CF System]</ref>
 
La superficie esterna del nastro è quella su cui viene posato il carico, mentre quella interna si trova di solito a contatto con un cilindro, il cosiddetto [[tamburo motore]]. Si tratta di un corpo che ne garantisce il movimento e che normalmente è collocato anteriormente (dunque dalla parte dove il materiale sarà scaricato).
 
Dall'altra parte del tappeto, quella posteriore, si trova un secondo cilindro detto ''di rinvio'', al quale viene trasmesso il movimento generato dal tamburo motore. È comunque anche possibile che il cilindro motore venga posizionato posteriormente.
 
==Trasmissione del movimento==
[[ImmagineFile:Baggage reclaim hahn airport.jpg|thumb|Nastro trasportatore, [[aeroporto di Francoforte-Hahn]]]]
Il movimento del motore viene trasmesso al cilindro e così al nastro tramite una [[catena di trasmissione]], oppure attraverso una cinghia o ancora con un sistema ad [[ingranaggio|ingranaggi]]. Il cilindro si muoverà esercitando una trazione sul nastro. La velocità del nastro sarà controllata da un riduttore elettrico.
 
 
==Cenni storici==
[[ImmagineFile:Foerderband Lehm.JPG|thumb|Vecchio modello fuori uso, atto al trasporto di [[argilla]]]]
[[ImmagineFile:Trasportatore a nastro2.jpg|thumb|Nuovo modello atto al trasporto di [[argilla]]]]
Primitivi nastri trasportatori vennero usati già a partire dal [[XIX secolo]]. Nel [[1901]], la ditta svedese [[Sandvik]] ne perfezionò la tecnica arricchendo i modelli di nuovi componenti in acciaio. Nel [[1913]], il produttore di automobili [[Henry Ford]] introdusse il sistema in larga scala alla [[Ford]], mentre una delle ditte italiane che si interessò presto alle tecniche del nastro trasportatore fu la [[FIAT]]. Nel clima di confronto sociale che si acutizzava a causa delle diverse misure atte ad aumentare la [[produttività]] economica, nacque il termine di [[fordismo]]. Questa parola era originariamente intesa come critica alle varie misure di razionalizzazione con le conseguenti ricadute sulla dimensione sociale del lavoro.
 
Moderni dispositivi imparentati al nastro trasportatore sono la [[scala mobile]] ed il [[marciapiede mobile]]. Oggi l'impianto di maggior lunghezza (circa 100&nbsp;km) parte dai giacimenti di [[fosfati]] presso [[Bou Craa]], situata nel [[Sahara occidentale]], paese la cui economia dipende in forte misura da questo tipo di risorsa mineraria. Il nastro trasporta il carico in direzione della città di [[El Ayun]].
*[[Elevatore a tazze|Elevatori a tazze]] utilizzati per il sollevamento in verticale delle merci sfuse.
 
[[ImmagineFile:Loopband.jpg|thumb|[[Hong Kong]], aeroporto, [[Tapis roulant (marciapiede mobile)|Tapis roulant]]]]
 
== Note==
1 099 049

contributi