Apri il menu principale

Modifiche

100 byte aggiunti ,  3 anni fa
nessun oggetto della modifica
}}
 
==Biografia==
Durante la [[terza guerra mitridatica]], Deiotaro scacciò le truppe di [[Mitridate VI del Ponto]] dalla [[Frigia]]. Il suo maggiore alleato fu [[Gneo Pompeo Magno]], il quale lo ricompensò nel [[63 a.C.|63]]/[[62 a.C.]] allargandone il dominio alla [[Piccola Armenia]] in occasione della risistemazione dell'Asia minore.
 
 
== Bibliografia ==
{{div col}}
 
;Fonti antiche
* [[Appiano di Alessandria|Appiano]], ''Bellum Mithridaticum'' 75, 114; ''Bellum Alexandrinum'', 34-41, 65-77
* Cicero, ''Philippica'', ii. 37; ''Ad fam.'' viii. 10, ix. 12, xv. I, 2, 4; ''Ad Att.'' xiv. 1; ''De div.'' i. 15, ii. 36, 37; ''De harusp. resp.'' 13, and above all ''Pro rege Deiotaro''
* [[Cassio Dione]], ''[[Storia romana (Cassio Dione)|Historia romana]]'', xli. 63, xlii. 45, xlvii. 24, 48, xlviii. 33.
 
;Fonti storiografiche moderne
*{{cita libro | autore=L. Fezzi | titolo=Il tribuno Clodio | editore=Laterza | città=Roma-Bari | anno=2008 }}
*{{cita libro | autore=G. Traina | titolo=Marco Antonio | editore=Laterza | città=Roma-Bari | anno=2003 }}
{{div col end}}
 
==Note==
<{{references/>}}
 
{{Portale|Antica Roma|biografie}}
 
{{Portale|biografie}}
[[Categoria:Sovrani vassalli dei Romani]]