Differenze tra le versioni di "Ponte Sublicio"

m
clean up, replaced: Architetture scomparse di Roma → Architetture di Roma scomparse using AWB
m (clean up, replaced: Architetture scomparse di Roma → Architetture di Roma scomparse using AWB)
'''Ponte Sublicio''', noto anche come '''ponte Aventino''' o '''ponte Marmoreo''', è un [[Ponti di Roma|ponte]] che collega piazza dell'Emporio a piazza di Porta Portese, a [[Roma]], nei [[Rioni di Roma|rioni]] [[Ripa]], [[Trastevere]] e [[Testaccio]] e nel [[Quartieri di Roma|quartiere]] [[Portuense]].
 
Il più antico ponte di Roma oltrepassava il fiume [[Tevere]] poco a valle dell'[[Isola Tiberina]], in corrispondenza dell'antico guado che rappresentava una tappa obbligata del percorso nord-sud in epoca protostorica, ai piedi dell'[[Aventino]]. La sua costruzione è attribuita al re [[Anco Marzio]]<ref>[[Dionigi di Alicarnasso]], ''[[Antichità romane (Dionigi di Alicarnasso)|Antichità romane]]'', III, 45,2.</ref> ([[642 a.C.|642]] - [[617 a.C.]]) da [[Tito Livio]] e da [[Dionigi di Alicarnasso]].
 
==Origine del nome==
 
==L'antico ponte==
Dell'antico ponte non resta oggi alcuna traccia, ma la sua ubicazione era all'altezza dell'odierna via del Porto, (sembrerebbe più vicino all'attuale via di Ripa a giudicare dal testo di A. Carandini - Roma Il primo giorno - Laterza, 2012) all'estremità settentrionale del [[Complesso Monumentale di San Michele a Ripa Grande|complesso del San Michele]].
 
La tradizione religiosa (originata dalla necessità di poterlo smontare facilmente per esigenze di difesa) prescriveva che non fosse utilizzato altro materiale che il legno. Il ponte era considerato sacro (dal termine ''pons'' deriva la designazione di "pontefice" o ''pontifex'') e vi si svolgevano cerimonie arcaiche, tra cui quella del lancio nel fiume degli ''[[Argei]]'', o pupazzi di paglia (forse in sostituzione di più antichi sacrifici umani), durante il cerimoniale dei [[Lemuria (cerimonie)|Lemuria]].
[[Categoria:Roma R. XX Testaccio]]
[[Categoria:Roma Q. XI Portuense]]
[[Categoria:Architetture scomparse di Roma scomparse]]
28 796

contributi