Apri il menu principale

Modifiche

 
Iniziò un'intensa attività di traduttore e scrittore di guide turistiche. In collaborazione con il padre [[Francesco Soave]] dal [[1775]] cominciò a pubblicare la rivista ''Scelta di opuscoli sulle scienze e sulle arti'' [http://books.google.com/books?id=BjwtAAAAMAAJ&pg=RA3-PA105&lpg=RA3-PA105&dq=%22carlo+amoretti%22+enciclopedica&source=web&ots=cWpUPsMaCk&sig=m5WwznaM4UjbH4qhJIrSPUKdgqM#PPA1,M1]. Nel [[1797]] divenenne [[bibliotecario]] dell'[[Biblioteca Ambrosiana|Ambrosiana]] e raggiunse fra l'altro una particolare competenza nel campo delle scienze agrarie ed economiche, cui dedicò numerosi scritti. Nel 1797 scoprì all'Ambrosiana il manoscritto italiano, che si credeva perduto, di [[Antonio Pigafetta]] sul viaggio di [[Ferdinando Magellano]]. Dal [[1778]] al [[1807]] curò da solo una ''Nuova scelta d'opuscoli interessanti sulle scienze e sulle arti''. Nel [[1779]] una edizione italiana della ''Geschichte der Kunst des Altertums'' di [[Johann Joachim Winckelmann]] col titolo ''Storia delle arti del disegno presso gli antichi'', e nel [[1804]] una edizione del ''Trattato della pittura'' di [[Leonardo da Vinci]], preceduta da importanti ''Memorie storiche su la vita, gli studi e le opere di Leonardo da Vinci''. Nel [[1808]] fu consigliere delle miniere del [[Regno d'Italia (1805-1814)|Regno Italico]]. Fra gli studi scientifici occorre ricordare ''Della raddomanzia ossia elettrometria animale, ricerche fisiche e storiche'' ([[1808]]), ''Elementi di elettrometria animale'' ([[1816]]), e il ''Viaggio da Milano ai tre laghi Maggiore, di Lugano e di Como e ne' monti che li circondano'' ([[1814]]).
 
==Onorificenze==
{{Onorificenze
|immagine=Ordre de la Couronne de Fer Chevalier ribbon.svg
|nome_onorificenza=Cavaliere dell'Ordine della Corona Ferrea
|collegamento_onorificenza=Ordine della Corona Ferrea
|motivazione=
|luogo= [[1809]]
}}
 
==Opere==
128 531

contributi