Faro (illuminazione): differenze tra le versioni

È usato soprattutto per l'illuminazione esterna di edifici come cortili interni ed esterni o altri spazi esterni di [[scuola|scuole]], [[capannone|capannoni industriali]], ecc..., ma anche per l'illuminazione di facciate di [[chiesa (architettura)|chiese]], di [[museo|musei]] e altri edifici storici, [[monumento|monumenti]] particolari, [[strada|strade]], ampi spazi esterni di piccole dimensioni, ecc... . Il faro viene usato anche per l'illuminazione interna dei [[magazzino|magazzini]], delle [[palestra|palestre]], delle [[piscina|piscine]], dei capannoni industriali, ecc.
 
=== Per l'[[illuminazione pubblica]] urbana ===
Uno o più fari inoltre possono essere sistemati su un palo della luce concepito solo per i fari oppure possono essere collegati ad un [[lampione]] stradale già esistente. Questo sistema viene usato per l'[[illuminazione pubblica]] di piazze o altri spazi di un centro abitato oppure per illuminare ampi spazi esterni di piccole dimensioni come [[ippodromo|ippodromi]], [[maneggio|maneggi]], [[campo sportivo|campi sportivi]] o da gioco, parcheggi per le [[autoveicolo|auto]] e così via. I fari vengono impiegati anche per l'illuminazione di [[galleria (ingegneria)|gallerie]] e [[sottopasso|sottopassi]] cittadini ed extraurbani in modo da evitare situazioni di pericolo derivanti dal buio come ad esempio gli incidenti stradali.
 
6 514

contributi