Differenze tra le versioni di "San Possidonio (Italia)"

clean up, replaced: {{MAR}} → Marocco, {{TUN}} → Tunisia, {{CHN}} → Cina, {{ROU}} → Romania, {{PAK}} → Pakistan, {{IND}} → India, {{POL}} → Polonia, {{NGA}} → Nigeria using AWB
(standardizzo)
(clean up, replaced: {{MAR}} → Marocco, {{TUN}} → Tunisia, {{CHN}} → Cina, {{ROU}} → Romania, {{PAK}} → Pakistan, {{IND}} → India, {{POL}} → Polonia, {{NGA}} → Nigeria using AWB)
 
Dopo il dominio dei Marchesi di Toscana (intorno l'anno 1000), San Possidonio diventa territorio dei [[Pico (famiglia)|Pico]] fino al [[1710]] quando passa sotto la signoria degli [[Estensi]]. Questi concedono a Pietro Tacoli il paesino come Marchesato.
Nel [[1789]] nacque Don Giuseppe Andreoli, prete carbonaro condannato a morte nel [[1821]] dal duca [[Francesco IV di Modena]] e giustiziato a [[Rubiera]] nel [[1822]]. Un monumento situato nell'omonima piazza (opera di Alfredo Gualdi, 1922) raffigura il prete martire di fianco all'[[Italia]] e a un soldato.
 
La Chiesa Parrocchiale (della quale si trova già traccia in un documento del 962) è il principale monumento della cittadina. Ricostruita diverse volte, ospita al suo interno una Madonna con Santi e Laura Pico, un S. Francesco di Sales, un S. Possidonio con i SS. Francesco e Antonio Abate.
Gli stranieri residenti nel comune sono 661, ovvero il 17,3% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti<ref>{{cita web|url=http://demo.istat.it/str2010/index.html|titolo=Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza|editore=ISTAT|accesso=25 ottobre 2012}}</ref>:
 
# {{CHN}}[[Cina]], 225
# {{MAR}}[[Marocco]], 132
# {{ROU}}[[Romania]], 53
# {{PAK}}[[Pakistan]], 42
# {{IND}}[[India]], 36
# {{TUN}}[[Tunisia]], 30
# {{POL}}[[Polonia]], 25
# {{NGA}}[[Nigeria]], 23
 
=== Lingua e dialetti ===
284 585

contributi