Differenze tra le versioni di "Titolo di viaggio"

replaced: .. → . (2), << → ", typos fixed: rchè → rché, a . → a. (2) using AWB
(replaced: .. → . (2), << → ", typos fixed: rchè → rché, a . → a. (2) using AWB)
Alcuni titoli di viaggio non devono essere vidimati: ad esempio, non si devono timbrare i biglietti ferroviari per treni nei quali la prenotazione è obbligatoria. Nel biglietto, è riportato numero del treno, orario e tratta di percorrenza, dati che impediscono di usare il biglietto due volte, anche se non è vidimato. In generale, possono non essere vidimati i titoli di viaggio associati ad una certa tratta e orario di percorrenza, o direttamente al mezzo di trasporto e al posto prenotato.
 
Se i controllori non rivestono la qualifica di pubblici ufficiali, i possessori di titolo di viaggio possono legittimamente rifiutarsi di esibire un documento di identità e non possono essere ovviamente perquisiti, perchèperché il personale preposto possa emettere le contravvenzioni. I controllori possono agire in collaborazione con agenti delle forze di polizia ovvero obbligare i trasgressori a scendere dal mezzo di trasporto. I controllori in generale non rivestono la qualifica di pubblici ufficiali -salvo casi in cui esistono leggi o sentenza specifiche di equiparazione, ad esempio per gli agenti di Trenitalia. Ai fini della qualifica di pubblico ufficiale non è giuridicamente rilevante il fatto che il controllore abbia un rapporto di lavoro dipendente con una società di diritto privato, ma il fatto che essi sono muniti di poteri autoritativi e certificativi e svolgenti una funzione amministrativa disciplinata da norme di diritto pubblico<ref>Cassazione, sentenza n.38389/2009</ref>. <br />
Il mancato pagamento delle sanzioni può comportare una denuncia per il reato di [[insolvenza fraudolenta]].<ref>repubblica, venerdì 4 dicembre 2015, cronaca di Genova, pag. XI </ref>
 
 
Il prezzo può essere determinato in base alla distanza percorsa e alla classe di trasporto utilizzata quando non è in modo forfettario per riga o sezione di linea per arei, o consente di muoversi su una intera tratta ferroviaria.
Sconti o gratuito, sono in genere offerti su base commerciale (abbonamento, tariffe di gruppo, l'offerta turistica ...) o in base a criteri sociali (per aiutare gli svantaggiati, studenti, anziani ...), misure il cui costo è in genere sostenuto dalle autorità locali.
 
Il titolo può essere valido per un solo viaggio, un viaggio di ritorno, diversi viaggi successivi, o per un determinato periodo di tempo (abbonamento).
 
In Francia, i viaggiatori sorpresi senza un biglietto valido sono passibili di una sanzione pecuniaria, e in alcuni casi di recidiva possono essere perseguiti penalmente per legge.
I controlli sono regolati dalla legge del 15 luglio 1845 sulla Polizia delle Ferrovie, che è stato modificata dalla legge del 15 novembre 2001 in tema di sicurezza quotidiana (LSQ) che istituisce il reato di « délit d'habitude » per colorecoloro che <<"in un periodo non superiore a dodici mesi, più di dieci reati sanzionati al primo e al secondo comma dell'articolo 80-3 del Dlgs 730 del 22 marzo 1942, che non sarà si siano conclusi in una transazione economica ai sensi dell'articolo 529-3 del codice di procedura penale. Il « délit d'habitude » è punibile con una pena detentiva.
 
La CNIL (autorità per la privcy) ha emanato nel 2007 una autorizzazione unica per l'elaborazione automatica dei dati personali e sensibili raccolti da "organismi di diritto pubblico o privato che realizzano un servizio di trasporto pubblico" ai fini della "gestione delle infrazioni".