Apri il menu principale

Modifiche

ho cambiato la parte sull'insurrezione comunista, che è piu u nqualcosa di desunto che di reale
== Biografia ==
Nato nella più potente e ricca [[Braganza_(Brasile)|famiglia nobile]] del [[Brasile]], legata all'antica casa reale del [[Casato di Braganza]] (anch'essa a sua volta collegata alla dinastia reale di [[Aviz]], all'antichissimo casato dei [[Capetingi]] e alla [[Casa d'Asburgo]]), dinastia che governò il [[Portogallo]] e l'[[Impero portoghese|Impero del Portogallo]] dal 1385 al 1910 (primo impero coloniale mondiale della storia e più longevo degli imperi coloniali d'oltremare) e l'[[Impero del Brasile]] dal 1822 al 1889.
Già nel 1929 Vargas venne scelto dall'Alleanza liberale come candidato alla Presidenza della Repubblica con un blando programma di riforme, ma venne sconfitto. L'anno successivo, invece riuscì ad imporsi con il sostegno di un eterogeneo movimento politico-militare, costituito da industriali, classe media e settori proletari. Fin dall'inizio il suo governo ebbe carattere autoritario e populista insieme. Emanò una serie di leggi sociali avanzate ed innovative per i lavoratori industriali urbani e, nello stesso tempo, creò una struttura sindacale di tipo corporativo, modellata su quella di analoghi regimi dei paesi fascisti europei. Uomo della grande diplomazia internazionale, venne riconfermato presidente nel 1934, un anno dopo affrontò e sconfisse con una repressione implacabile un'ipotetica insurrezione ispiratadi dall'stampo [[Internazionalecomunista Comunista|Internazionale(non comunista]],ci sostenutasono dall'mai [[Unionestate Sovietica|URSS]]prove eper guidataaffermare dala [[:en:Luísveridicità Carlosdel Prestes|Luiztentativo Carlosdi Preste]]insurrezione). Per conservare il potere, nel novembre 1937 promosse un colpo di Stato instaurando lo "Stato nuovo", dittatura di orientamento fascista, centralizzata, nazionalista e industrialista. In politica estera si avvicinò all'[[Potenze dell'Asse|Asse]] Roma-Berlino, fino a quado l'attacco giapponese di [[Attacco di Pearl Harbor|Pearl Harbor]] e la distruzione di navi brasiliane da parte di sottomarini italiani non lo indussero a cambiare posizione e ad allontanarsi da [[Adolf Hitler|Hitler]] e [[Benito Mussolini|Mussolini]], ormai anche con idee politiche molto diverse. Nell'agosto 1942 venne dichiarata guerra all'Italia fascista. La vittoria degli [[Alleati della seconda guerra mondiale|Alleati]] (e del [[Brasile]]) rafforzò però l'opposizione interna del [[Brasile]], lasciando Vargas in una posizione incerta, che si concluse con la deposizione nell'ottobre 1945. Dopo cinque anni di volontario esilio nella sua città natale, ritornò sulla scena politica nel 1950 per essere nuovamente eletto presidente con l'entusiastico appoggio dei sindacati, della borghesia industriale e di settori nazionalisti dell'esercito che vedevano in lui un bastione contro la penetrazione economica [[Stati Uniti d'America|Usa]]. Vargas creò, fra le altre cose, il monopolio del petrolio con la fondazione della [[Petrobras|Petrobrás]]. Una crescente opposizione dell'oligarchia e degli [[Stati Uniti d'America|Usa]] disegnò una situazione di stallo che spinse Vargas a scegliere il suicidio. Figura carismatica anche dopo la morte, l'influenza del suo nome continuò a pesare nei destini dei brasiliani.
 
== La rivoluzione del 1930 ==
Utente anonimo