Differenze tra le versioni di "Wabi-sabi"

nessun oggetto della modifica
(template citazione; fix parametro isbn)
[[File:2002 kenrokuen hanami 0123.jpg|thumb|upright=1.6|Una casa del tè giapponese che rispecchia l'estetica del wabi-sabi]]
 
{{nihongo|'''''Wabi-sabi''''' (in [[Kanji]]: {{lang|ja|侘寂}}) costituisce una visione del mondo giapponese, o [[estetica]], fondata sull'accoglimento della transitorietà delle cose. L'espressione deriva da due [[kanji|caratteri]] 侘 (''wabi'') e 寂 (''sabi''):
 
Tale visione, talvolta descritta come "bellezza imperfetta, impermanente e incompleta"<ref>[[Leonard Koren]]. ''Wabi-Sabi: for Artists, Designers, Poets and Philosophers''. Stone Bridge Press, 1994 ISBN 978-1880656129</ref> deriva dalla dottrina [[Buddhismo|buddhista]] dell'''[[anitya]]'' ([[sanscrito]], giapp. {{lang|ja|無常}} ''mujō''; impermanenza).
28 753

contributi