Differenze tra le versioni di "Resistenza italiana"

m
fix wl (mini pasticcetto creato da bot)
m (Bot: Specificità dei wikilink)
m (fix wl (mini pasticcetto creato da bot))
Il movimento della Resistenza – inquadrabile storicamente nel più ampio fenomeno europeo della resistenza all'occupazione [[nazifascismo|nazifascista]] – fu caratterizzato in Italia dall'impegno unitario di molteplici e talora opposti orientamenti politici ([[Partito Comunista Italiano|comunisti]], [[Partito d'Azione|azionisti]], [[Casa Savoia|monarchici]], [[Partito Socialista Italiano|socialisti]], [[Democrazia Cristiana|cattolici]], [[Partito Liberale Italiano|liberali]], [[Partito Repubblicano Italiano|repubblicani]], [[Anarchia|anarchici]]), in maggioranza riuniti nel [[Comitato di Liberazione Nazionale]] (CLN), i cui partiti componenti avrebbero più tardi costituito insieme i primi governi del dopoguerra<ref>G. Bianchi, ''La Resistenza'', in: AA.VV., ''Storia d'Italia'', vol. 8, pp. 368-369.</ref>.
 
Il periodo storico in cui il movimento fu attivo, comunemente indicato come "Resistenza", inizia dopo l'[[Armistizio di Cassibile|armistizio dell'[[8 settembre 1943]] (il CLN fu fondato a Roma il 9 settembre) e termina nei primi giorni del maggio [[1945]], durando quindi venti mesi circa. La scelta di celebrare la fine di quel periodo con il 25 aprile [[1945]] fa riferimento alla data dell'appello diramato dal [[CLNAI]] per l'insurrezione armata della città di [[Milano]], sede del comando partigiano dell'Alta Italia. Alcuni storici hanno evidenziato più aspetti contemporaneamente presenti all'interno del fenomeno della Resistenza: "guerra patriottica" e lotta di liberazione da un invasore straniero; [[insurrezione|insurrezione popolare]] spontanea; "[[Guerra civile in Italia (1943-1945)|guerra civile]]" tra [[Antifascismo|antifascisti]] e [[Fascismo|fascisti]], collaborazionisti con i tedeschi; "guerra di classe" con aspettative rivoluzionarie soprattutto da parte di alcuni gruppi partigiani [[Socialismo|socialisti]] e [[Comunismo|comunisti]]<ref>C. Pavone, ''Una guerra civile'', pp. 169-412; G. Oliva, ''La resistenza'', ''passim''.</ref>.
 
== Dall'antifascismo alla Resistenza ==