Differenze tra le versioni di "L'amore attraverso i secoli"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: accenti e modifiche minori)
{{citazione|In quel momento sublime, Anna Karina esce dalla finzione e si volge verso la macchina da presa, fissandola a lungo sorridendo. Sarà l'ultimo sguardo di Anna Karina in un film di Godard, e questo sguardo di addio – che dovrebbe essere nella finzione uno sguardo di felicità – diventa il più emozionante degli sguardi di disperazione.|Alain Bergala<ref>{{Cita pubblicazione|lingua=fr|autore=Alain Bergala|rivista=[[Cahiers du cinéma]]|titolo=Special Godard, supplemento al n. 457|mese=novembre|anno=1990}}</ref>}}
 
== CriticaAccoglienza ==
 
=== Critica ===
{{citazione|Esile negli spunti e (a dir poco) superficiale nelle tesi, il film non è certo tra le migliori pellicole ad episodi che negli anni '60 tentarono, con timido esito, di inaugurare una nuova formula commerciale per la commedia semiseria sfruttando e coinvolgendo interpreti di grande popolarità, e sceneggiatori e registi di prestigio.
Il frammento di Godard è il più interessante, non tanto per l'ipotesi già in quegli anni corrente di un domani senza emozioni, quanto per l'ambientazione e la fotografia di una Parigi contemporanea trasformata in metropoli futuribile.|Fantafilm<ref name="Fantafilm" />}}