Differenze tra le versioni di "ʿAmr ibn Hishām"

m
Bot: fix citazione web (v. discussione)
m (Fix tmpl)
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
Figlio di [[Wa'il ibn Umayyah|Wāʾil b. Umayya]], ʿAmr b. Hishām - in {{arabo|عمرو بن هشام}}, noto inizialmente come Abū l-Ḥakam (che significa "padre del buon giudizio"), ma più tardi chiamato dallo stesso [[Maometto]] Abū Jahl, che significa invece "padre dell'Ignoranza") - fu uno dei capi dei [[Quraysh]] e viene ricordato come uno dei [[Mecca]]ni che espressero in vario modo, spesso brutalmente, la loro intensa ostilità nei confronti dei [[musulmani]].
 
Tra i figli si ricorda Zurāra b. ʿAmr (o b. Abī Jahl), ucciso in [[Yemen]], che ʿAmr ebbe da sua moglie Umāma bt. ʿUmayr b. Maʿbad b. Zurāra, ma il figlio più famoso e illustre fu [[Ikrima ibn Abi Jahl|ʿIkrima b. Abī Jahl]], dapprima strenuo avversario di [[Maometto]], in grado di contrapporglisi nella [[conquista di Mecca]] del [[630]], prima della sua conversione che lo portò a essere uno dei più abili comandanti musulmani, in grado di piegare con [[Khalid ibn al-Walid]], la ''[[ridda]]'' delle [[tribù]] arabe [[Penisola araba|peninsulari]]. Costui ebbe anche una figlia, la cui mano fu chiesta da [[Ali ibn Abi Talib|ʿAlī b. Abī Ṭālib]], quarto [[califfo]] dei musulmani [[Sunnismo|sunniti]] e primo [[Imam|Imām]] dei musulmani [[Sciismo|sciiti]]<ref>Si veda [http://www.usc.edu/dept/MSA/fundamentals/hadithsunnah/muslim/031.smt.html#031.5999 il ''Ṣaḥīḥ'' di [[Muslim ibn al-Hajjaj|Muslim]] XXXI:5999] e anche XXXI:6001 e 6002.</ref>.
 
Abū Jahl fu ucciso nella [[battaglia di Badr]]. Ferito da Muʿawwadh b. ʿAfrāʾ e da Muʿādh b. ʿAmr, fu finito da [[Abd Allah ibn Mas'ud|ʿAbd Allāh b. Masʿūd]].
== Bibliografia ==
* Ibn Hishām (Abū Muḥammad ʿAbd al-Malik), ''al-Sīrat al-nabawiyya'' (La vita del Profeta), Muṣṭafà al-Saqqā, Ibrāhīm al-Abyārī e ʿAbd al-Ḥāfiẓ Šiblī (edd.), Il Cairo, Muṣṭafà al-Bābī al-Ḥalabī, 2 voll., II ed., 1955 (trad. inglese ''The Life of Muhammad'', a cura di A. Guillaume, Oxford University Press, 1955).
* [[Leone Caetani]], ''Annali dell'Islām'', Milano, Hoepli, 1905, I, pp.
 
== Collegamenti esterni ==
* [{{cita web|http://www.islamic-paths.org/Home/English/Muhammad/Book/Millennium_Biography/Chapter_030.htm |Islamic-Paths.org]}}
 
{{Portale|biografie}}
2 992 070

contributi