Differenze tra le versioni di "DKW F93"

54 byte aggiunti ,  4 anni fa
m
Bot: fix citazione web (v. discussione)
m (migrazione automatica di 7 collegamenti interwiki a Wikidata, d:Q1154434)
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
|didascalia2=Una F93 Cabriolet
}}
La '''DKW F93''' è un'[[autovettura]] di fascia media prodotta dal [[1955]] al [[1959]] dalla [[Casa automobilistica]] [[Germania|tedesca]] [[Auto Union]] con il marchio [[DKW]]. Con la sigla '''F94''' si intendono le due varianti a [[passo (veicoli)|passo]] allungato di 10  cm.
 
== Storia e profilo ==
La ''F93'' fu presentata per la prima volta a [[Düsseldorf]] il 20 e il 21 settembre 1955 in occasione di un convegno fra i concessionari DKW tedeschi, tenutosi proprio presso lo stabilimento dove da pochissimo era stata avviata la produzione del nuovo modello destinato a succedere alla [[DKW F91|F91]]. Di quest'ultima rimase a listino per un paio di anni solo la versione ''Universal''. Il convegno DKW avvenne proprio alla vigilia dell'apertura del [[Salone di Francoforte]] di quell'anno e nella cornice della kermesse tedesca furono svelate al pubblico tutte le varianti della nuova gamma, ossia [[berlina]] a 2 porte (disponibile nei due allestimenti ''Normal'' e ''Spezial''), berlina a 4 porte, [[coupé]]<ref>[http://img.favcars.com/dkw/3-6/dkw_3-6_1955_pictures_1.jpg La ''F93 Coupé'']</ref> e [[cabriolet]] a 2 e a 4 posti. In ogni caso, le portiere furono tutte incernierate posteriormente.
 
La sigla del modello fu quindi quella di ''F93'', ma la denominazione commerciale incluse per la prima volta anche la sigla ''3=6'', un ossimoro matematico già utilizzato per descrivere il prototipo ''F9'' d'anteguerra, e che stava a sottolineare come il [[motore a due tempi]] utilizzato per la nuova vettura potesse contare su una fase attiva per ogni giro dell'[[albero a gomiti|albero motore]] a dispetto di un [[motore a quattro tempi]] che invece è caratterizzato da una fase attiva ogni due giri. Il fatto che fosse un tricilindrico faceva in modo che il numero di fasi attive di questo motore era pari al numero di fasi attive in un 6 [[cilindro (meccanica)|cilindri]] a quattro tempi. Un espediente commerciale simile fu utilizzato anche nelle DKW d'anteguerra con [[motore V4]], ma in questo caso l'ossimoro matematico prese ovviamente la forma di ''4=8''.
 
==== Caratteristiche ====
 
Esteticamente, la ''F93'' si presentava all'apparenza come un aggiornamento della precedente ''F91'', rispetto alla quale furono ridisegnati alcuni elementi, come la calandra, in cui le feritoie orizzontali furono racchiuse all'interno di una cornice ovale. Sopra di essa campeggiava il doppio logo DKW-Auto Union. Vale la pena ricordare che la ''F93'' e la sua versione lunga, la ''F94'' sarebbero state le ultime autovetture a fregiarsi del logo ''DKW''. I modelli successivi avrebbero recato solo il logo Auto-Union. In realtà, il corpo vettura della ''F93'' fu allargato di 10 &nbsp;cm proprio nella zona dei due assi. Questo incremento fu il motivo per cui la ''F93'' divenne colloquialmente nota anche come ''Großer DKW'' e fu conseguenza naturale dalla decisione di allargare di 10 &nbsp;cm la misura delle due carreggiate, allo scopo di migliorare la tenuta di strada. Questo aggiornamento tecnico è stato reso possibile utilizzando nuove [[balestra (meccanica)|balestre]] più larghe, mentre nuovi aggiornamenti al [[telaio (meccanica)|telaio]] (sempre a longheroni e traverse in acciaio) contribuirono ad incrementarne la [[rigidezza#rigidezza a flessione|rigidezza torsionale]]. In generale, comunque, la geometria delle [[sospensione (meccanica)|sospensioni]] continuò a seguire gli stessi schemi della ''F91'', vale a dire con ruote indipendenti all'aventreno e con assale rigido oscillante al retrotreno. Invariato anche l'impianto frenante, che continuò a far affidamento su quattro [[freno a tamburo|tamburi]]. Per quanto riguarda il [[cambio (meccanica)|cambio]], nella versione di base fu montato un manuale a 3 marce, mentre in quelle di nelle altre versioni era a 4 marce, ma in entrambi i casi con dispositivo di [[ruota libera]] incorporato. Nelle linee generali, anche il motore tricilindrico [[motore a due tempi|a due tempi]] da 900 [[centimetro cubo|cm<sup>3</sup>]] non subì aggiornamenti strutturali, ma fu comunque sottoposto a rivisitazioni che ebbero come effetto quello di far lievitare la [[potenza (fisica)|potenza]] massima da 34 a 38 [[cavallo vapore|CV]].
 
==== Allestimenti ====
Salendo di un gradino nella gamma della ''F93'', la berlina ''Spezial'' a 2 porte era già equipaggiata con un cambio a 4 marce e la sua dotazione comprendeva i rivestimenti in tessuto bicolore ed alcune decorazioni cromate sulla carrozzeria.
[[File:DKW 3=6 engine cutaway TCE.jpg|thumb|left|Il tricilindrico della F93]]
Subito sopra alla ''Spezial'' fu posizionata la berlina a 4 porte, una delle più significative novità introdotte con il lancio della ''F93''. Vale la pena sottolineare innanzitutto come questa versione fosse stata realizzata a partire da un telaio a passo allungato di 10 centimetri rispetto alle berline a 2 porte. Tale soluzione fu attuata allo scopo di disporre di maggior spazio per il montaggio delle due portiere posteriori. Sia le portiere anteriori che quelle posteriori furono tutte incernierate sul montante centrale. Essa fu caratterizzata dalla presenza dei finestrini posteriori discendenti, ma solo fino ad un massimo di 15 centimetri. Erano inoltre presenti dei deflettori sia presso i finestrini anteriori che presso quelli posteriori, nonché una panca anteriore anziché due sedili singoli. In ogni caso, comunque, la vettura rimase omologata per cinque persone. La berlina a 4 posti fu anche l'unica versione della gamma a non portare la sigla ''F93'', bensì ''F94''.
 
La versione coupé fu prevista anche con verniciatura bicolore, finestrini posteriori discendenti, rivestimenti in pelle sintetica bicolore, vano portaoggetti con sportello, orologio, bracciolo, copricerchi cromati e pneumatici con fascia bianca. Rispetto alla berlina a 2 porte si differenziava esteticamente per l'assenza del montante centrale.
Il primo aggiornamento nella gamma della ''F93''/''F94'' si ebbe appunto a febbraio quando entrò in listino la già annunciata cabriolet a 2 posti. Il 1º ottobre dello stesso anno, invece, si ebbe un aggiornamento che in generale si può definire lieve, ma che di fatto interessò sia l'estetica che la meccanica dei modelli della gamma: la calandra rinunciò ai listelli orizzontali in favore di una griglia a nido d'ape che rese i modelli prodotti da quel momento in poi riconoscibili rispetto alle prime ''F93''/''F94''. Dal punto di vista tecnico, il motore salì leggermente come prestazioni portandosi a 40 CV di potenza massima. Per quanto riguarda la gamma, vi fu invece la scomparsa prematura delle due versioni cabriolet, mentre rimasero invece regolarmente a listino le altre varianti di carrozzeria.
 
A partire dal gennaio [[1957]], fu possibile ordinare una ''F93'' dotata di [[frizione (meccanica)|frizione]] automatica, una primizia nell'intero panorama automobilistico tedesco. Tale nuovo dispositivo, che permetteva una guida più comoda, fu prodotto dalla [[Fichtel&Sachs]]. Ulteriori migliorie furono apportate all'impianto di riscaldamento. Il mese successivo, la gamma tornò ad ampliarsi con l'arrivo della ''F94 Universal''<ref>[http://carinpicture.com/wp-content/uploads/2012/08/Dkw-F94U-Sonderklasse-Universal-1957-1959-Photo-01.jpg La ''F94 Universal'']</ref>, ossia la versione [[giardinetta]] destinata a sostituire la corrispondente ''Universal'' su base ''F91''. Tuttavia, tra il mese di febbraio ed il mese di giugno di quell'anno, le due ''Universal'' convissero assieme nel listino tedesco. A partire da luglio, l'unica giardinetta disponibile rimase invece proprio la ''F94''. Anch'essa, come la ''F94'' berlina a 4 porte, fu realizzata su un telaio a passo maggiorato di 10 &nbsp;cm, ma fu proposta a sole due porte più portellone. Per accedere al divanetto posteriore si poteva contare solo sui sedili anteriori ribaltabili. L'aerazione dell'abitacolo anche nella zona posteriore fu comunque garantita dalla presenza di finestrini laterali posteriori scorrevoli. Una delle caratteristiche di questa giardinetta fu il fatto che lo schienale posteriore era ad abbattimento frazionabile, un po' come nelle station wagon prodotte molti decenni dopo. Per ottenere un vano di carico dalla forma il più possibile regolare, il serbatoio ed il vano per la ruota di scorta furono spostati sotto il piano di carico. La portata massima di una ''F94 Universal'' fu di 450 &nbsp;kg. Durante il primo anno di commercializzazione, la ''Universal'' fu proposta unicamente con carrozzeria monocolore.
 
Nel settembre del 1957, la berlina ''Normal'' fu tolta dai listini: da quel momento in poi la gamma ''F93''/''F94'' dispose unicamente di cambi a 4 marce, o al più della [[trasmissione (meccanica)|trasmissione]] a frizione automatica. Contemporaneamente a ciò, le versioni con carrozzeria a due porte furono oggetto di nuovi aggiornamenti: le portiere furono incernierate anteriormente e ricevettero nuove maniglie porta con pulsante. Gli inserti cromati divennero più visibili e pronunciati, mentre all'interno vi fu l'arrivo di nuovi sedili con maggiori possibilità di regolazione. Per quanto riguarda la meccanica, vi fu l'arrivo di un nuovo impianto di scarico più silenzioso e migliorie alle sospensioni.
|-
|align=left|'''Impianto frenante'''
|colspan="7"|Idraulico a quattro tamburi da 230 &nbsp;mm di diametro
|-
|align=left|'''Sterzo'''
|colspan="2"|115
|-
|align=left|'''Consumo medio (litri/100 &nbsp;km)'''
|colspan="5"|7.8
|colspan="2"|8.2
 
<references/>
 
 
== Voci correlate ==
== Collegamenti esterni ==
 
* [{{cita web|http://www.audi.com/corporate/de/unternehmen/historie/modelle/dkw-36-sonderklasse-coupe-typ-f-93-1957.html |Dal sito tedesco dell'Audi, pagina dedicata alla DKW F93]}}
* [{{cita web|http://www.dkw-autos.de/verschiedenes/nachkieg/nachkrieg_f93/nachkrieg_f93.htm |Pagina dedicata alla F93]}}
 
== Bibliografia ==
2 822 664

contributi