Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: fix citazione web (v. discussione)
Nel 1939 vince il concorso alla cattedra di [[Storia Moderna]] alla [[Facoltà di Magistero]] dell'università di [[Messina]]; nel 1940 infine torna alla Normale chiamato da Gentile.
 
Verso la fine degli anni trenta si avvicina al [[Partito Comunista Italiano]], anche per l'influenza della moglie [[Emma Mezzomonti]], militante comunista. Nel [[1940]] collabora con il [[Dizionario di politica]] del PNF<ref>Alessia Pedio, ''La cultura del totalitarismo imperfetto. Il Dizionario di politica del Partito nazionale fascista'', Unicopli, Milano, 2000, pagina 254 </ref>.
 
Interrotto l'insegnamento nel periodo della [[Repubblica di Salò]], riprende il suo posto alla Normale nel [[1944]], con la nomina di [[Luigi Russo]] a direttore della Scuola. Nel [[1948]] si iscrive al PCI, da cui esce nel [[1956]] in seguito ai [[Rivoluzione ungherese del 1956|fatti d'Ungheria]]. In questo periodo è [[consulente]] editoriale per [[Giulio Einaudi Editore|Einaudi]], scrive sul "[[Il Politecnico (rivista)|Politecnico]]" e su "[[Società (rivista)|Società]]". Tra il [[1951]] e il [[1952]] traduce con la moglie il primo libro del ''[[Il Capitale|Capitale]]'' di [[Karl Marx]]. Dopo l'uscita dal PCI i suoi interessi si allontanano dall'attualità e si orientano di nuovo allo studio del [[XVI secolo|Cinquecento]].
 
== Biblioteca ed archivio personale ==
L'archivio personale di Cantimori, comprendente il carteggio, atti e documenti personali, manoscritti, materiali preparatori, testi di conferenze, lezioni, discorsi, è consultabile presso la [[Scuola Normale di Pisa]] nel Fondo Cantimori<ref> {{Cita web|url = http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=comparc&Chiave=9699&RicFrmTipoRicDataSP=1&RicFrmDenominazioneCA=cantimori%20delio&RicProgetto=personalita&RicSez=complessi&RicFrmTipoRicDataCA=1&RicVM=ricercaavanzata&RicTipoScheda=ca|titolo=Scuola normale di Pisa. Biblioteca, Fondo Delio Cantimori|accesso = 18 luglio 2014|editore = |data = }}</ref>; la sua biblioteca, per la parte relativa ai libri antichi, rari e manoscritti è consultabile presso il Palazzo del Capitano mentre il materiale moderno è stato inglobato nella Biblioteca ed è consultabile dal Catalogo online<ref>{{cita web|url=http://ventunobib.sns.it/F|titolo=Scuola Normale, Catalogo online}}</ref>.
 
== Il dibattito storiografico sulla figura di Cantimori ==
 
== Collegamenti esterni ==
* [{{cita web|http://www.cromohs.unifi.it/2_97/pertici.html |Mazzinianesimo, fascismo, comunismo: l'itinerario politico di Delio Cantimori (1919-1943)]}}
 
{{Controllo di autorità}}
2 574 983

contributi