Differenze tra le versioni di "Diego d'Alcalá"

m
Bot: fix citazione web (v. discussione)
m (Fix tmpl)
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
Diego d'Alcalá venne [[canonizzazione|canonizzato]] da [[papa Sisto V]] nel 1588, che pose la sua festa al [[13 novembre]], poiché il 12, che sarebbe stato l'anniversario della sua morte, era occupato da [[papa Martino I]]. I francescani lo festeggiavano comunque il [[13 novembre|12 novembre]] e infine, quando il calendario dei santi venne riorganizzato nel 1969, papa Martino I venne spostato al [[13 aprile]] (suo ''dies natalis'')<ref>"Calendarium Romanum" (Libreria Editrice Vaticana 1969), p. 145</ref>, e la commemorazione di Diego d'Alcalá venne ufficializzata al 12 novembre per tutta la Chiesa<ref>"Martyrologium Romanum" (Libreria Editrice Vaticana 2001 ISBN 88-209-7210-7)</ref>.
 
Santo molto venerato in Spagna e in [[America meridionale|America latina]], in Italia è [[protettore]] di [[Canicattì]].
 
==Note==
== Collegamenti esterni ==
* {{santiebeati|35300|san Diego di Alcalà}}
* [{{cita web|http://www.solfano.it/canicatti/San_Diego.html |Biografia - Festa e culto di San Diego di Alcalà a Canicattì]}}
* Paolo Mira, ''Turbigo: la devozione a san Diego e il cardinale Flaminio Piatti'', in ''Spicilegium Mediolanense. Studi in onore di Mons. Bruno Maria Bosatra'', a cura di Fabrizio Pagani, ''Archivio Ambrosiano'', Vol. IC - ''Ricerche Storiche sulla Chiesa Ambrosiana'', XXIX (2011), Milano, Editrice ITL, 2011.
 
2 871 592

contributi