Differenze tra le versioni di "Joseph Kosuth"

m
Bot: fix citazione web (v. discussione)
m (Fix tmpl)
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
Una delle sue opere più famose è ''[[One and Three Chairs]]'', un'espressione visiva del concetto di "[[Forma (filosofia)|forma]]" di [[Platone]]. L'opera mostra una sedia, una fotografia di quella sedia, e il testo di un dizionario con la definizione della parola "sedia". La fotografia è una rappresentazione della vera sedia situata sul pavimento, in primo piano. La definizione, che si trova sullo stesso muro dove c'è la fotografia, descrive il concetto di cosa sia una sedia, nelle varie accezioni del termine. In questo e in altri lavoro simili ''[[Five Words in Blue Neon]]'' e ''[[Glass One and Three]]'', Kosuth riporta affermazioni [[tautologia|tautologiche]], in quanto le opere sono letteralmente ciò che viene affermato siano.
 
Molto importanti sono anche le sue opere con i neon che egli inizia ad usare perché interessato ai materiali per la segnaletica e per rimandare al mondo della pubblicità. Famosa fu la serie intitolate Ex libris (1990), composizioni al neon con brevi citazioni di scrittori noti,allestite in spazi pubblici metropolitani.
 
Oltre al suo lavoro come artista, ha scritto molti libri sulla natura dell'arte e degli artisti, tra i quali ''L'artista come antropologo'' (''Artist as Anthropologist''). Nel suo saggio ''L'Arte dopo la Filosofia'' (''Art after Philosophy'', [[1969]]) sosteneva che l'arte è una continuazione della [[filosofia]], che vedeva essere giunta alla fine. Come i [[situazionismo|situazionisti]], rifiutava i formalismi come esercizi di [[estetica]].
 
È presente un'intervista a Joseph Kosuth intitolata "Quattro risposte a quattro domande" nel no. 9 della rivista [[Agalma]], marzo 2005: 71-85, a cura di Roberto Terrosi.
 
 
== Joseph Kosuth nei musei italiani==
 
==Collegamenti esterni==
* [{{cita web|http://dreher.netzliteratur.net/3_Konzeptkunst_Kosuth.html |Thomas Dreher: Joseph Kosuth - "Zero & Not" 1985-86]}}
*"Quattro risposte a quattro domande", in [[Agalma]] no. 9, testo completo: http://www.agalmaweb.org/articoli1.php?rivistaID=9
 
2 992 070

contributi