Differenze tra le versioni di "L'Eco di Bergamo"

m
Bot: fix citazione web (v. discussione)
m (Annullate le modifiche di 80.182.60.108 (discussione), riportata alla versione precedente di ZimbuBot)
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
|tablet = [http://itunes.apple.com/it/app/leco-di-bergamo-su-ipad/id388388327?mt=8 su abbonamento]<br /><small>Ultima versione: 3.4.6. Peso: 0.8 MB
|smartphone = [http://www.ecodibergamo.it/ versione mobile CSS]
}}
 
'''''L'Eco di Bergamo''''' è il principale quotidiano della [[provincia di Bergamo]], fondato nel [[1880]]. La sua proprietà è controllata in maggioranza dalla [[Diocesi di Bergamo|Curia di Bergamo]] e il giornale ha sempre tenuto una linea centrista, vicina alla [[Chiesa cattolica]].
 
== Cenni Storici ==
 
Nel [[1885]] il quotidiano raggiunse la media di 1.750 copie giornaliere e dieci anni più tardi arrivò a 2.800 copie.
Tra il 1900 e il 1901 il formato del giornale era 55,5 &nbsp;cm x 38,5 &nbsp;cm con pagine a sei colonne.<br />
Nel 1903 Giovanni Battista Caironi, primo direttore del giornale, scomparve; gli succedette don Clienze Bortolotti, già direttore de "''Il Campanone''". Sotto la sua direzione il quotidiano toccò le 4 mila copie.<br />
Nel 1913 venne introdotta un'innovazione nel reparto tipografico grazie all'acquisto della macchina da stampa ''Eureka''<ref>Rimarrà in funzione fino al 25 febbraio 1949.</ref>.<br />
Nel [[1916]] L'Eco di Bergamo si presentò in edicola in formato [[tabloid]] (46 &nbsp;cm x 30 &nbsp;cm).
 
Dal 30 novembre 1938 al 28 ottobre 1989, per 51 anni, fu direttore monsignor Andrea Spada. La sua direzione fu la più lunga del quotidiano.<ref>{{cita web|url=http://www.aziendaedicola.com/2005/04_05/articoli04_05/letprima.html|titolo=Letto su ''Prima Comunicazione''|accesso=2/01/2015}}</ref><br />
Il 16 settembre [[1939]] Spada decise il ritorno al [[lenzuolo (formato)|grande formato]]: 59,5 &nbsp;cm x 43,5 &nbsp;cm; il testo venne diviso su sette colonne che diventarono poi otto il 18 ottobre 1944 con una nuova modifica delle dimensioni del giornale: 59,5 &nbsp;cm x 41,5 &nbsp;cm.<br />
Nel periodo compreso fra il 1943 e il [[1945]] il giornale riuscì a compiere un notevole passo avanti: la tiratura passò da una media di 4.500 copie a 7 mila copie.
 
 
Il 25 settembre [[1967]] venne aggiunto un inserto dedicato allo sport che si occupava, con particolare attenzione, della squadra di calcio locale, l'[[Atalanta Bergamasca Calcio|Atalanta]].<br />
Il formato attuale dell'Eco di Bergamo è 53 &nbsp;cm x 39 &nbsp;cm e il giornale si presenta su nove colonne.
 
Dal 1º luglio 2011 [[Giorgio Gandola]] è il direttore responsabile del quotidiano.
 
== Collegamenti esterni ==
* [{{cita web|http://www.ecodibergamo.it/ |Sito Ufficiale]}}
 
{{Stampa italiana}}
2 812 800

contributi