Differenze tra le versioni di "John Nash"

25 byte aggiunti ,  5 anni fa
Ho ripristinato la data del 1914, anche se priva di fonte. Una cosa è sicura: il PADRE di Nash non si laureerò nel 1948
(→‎L'infanzia: Corretto errore di battitura)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
(Ho ripristinato la data del 1914, anche se priva di fonte. Una cosa è sicura: il PADRE di Nash non si laureerò nel 1948)
== Biografia ==
=== L'infanzia ===
John Forbes Nash, Jr. nacque nel 1928 a [[Bluefield (Virginia Occidentale)|Bluefield]], nella [[Virginia Occidentale]], da John Forbes Nash, Sr. e da Margaret Virginia Martin. Il padre nacque nel [[1892]] in [[Texas]] ed ebbe un'infanzia infelice poiché il padre Alexander Quincy Nash era una persona instabile e bizzarra, un buono a nulla, bevitore e donnaiolo, che abbandonò la moglie e i tre figli per fare una vita randagia. Invece Martha Nash, la madre di John Senior, era dotata di grande energia e intelligenza. Quando si divise dal marito, prese a lavorare come amministratrice per il Baylor College di Belton, mantenendo da sola la famiglia. John Senior, rimasto senza padre, trovò conforto nelle scienze, frequentò una scuola propedeutica nell'esercito e si iscrisse alla facoltà di [[Ingegneria elettrica|ingegneria elettrotecnica]] dell'Università Agricola e Meccanica del Texas, dove si laureò nel 1948{{citazione necessaria|1914}}. Durante la [[prima guerra mondiale]] prestò servizio come Tenente del 144ª Divisione di Fanteria Logistica in [[Francia]]. Al ritorno insegnò per un anno ingegneria all'università del Texas, dopodiché lavorò per l'Appalachian Power Company di Bluefield per i successivi trentotto anni. Margaret Virginia Martin studiò inglese, francese, tedesco e latino al Martha Washington College e all'università del West Virginia, diplomandosi a 16 anni.<ref>Nasar, [[John Nash#Bibliografia|''op. cit.'']], pag. 24-25.</ref>
 
John Nash già da piccolo rivelò un [[carattere (psicologia)|carattere]] solitario, [[introversione|introverso]] e un po' stravagante. Chi lo conobbe lo descrisse come un ragazzo singolare, più interessato ai libri che al gioco con i coetanei. Il clima familiare, tuttavia, era sostanzialmente sereno, con i genitori che non mancavano di dimostrargli il loro affetto; la madre gli aveva insegnato a leggere quando John aveva 4 anni d'età. Dopo qualche anno nacque la sorella Martha. Grazie a lei Johnny, come veniva chiamato in famiglia, riuscì a integrarsi un po' di più con i coetanei, riuscendo anche a farsi coinvolgere nei giochi usuali dell'infanzia. Tuttavia, mentre gli altri tendevano a giocare insieme, Johnny preferiva rimanere per conto proprio in salotto a leggere libri. Il padre inoltre lo trattava da adulto, fornendogli libri di scienza anziché libri per l'infanzia. I genitori, quando aveva 8 anni, lo spingevano verso attività sociali, come mandarlo al campeggio dei [[boy scout]], alle lezioni domenicali di catechismo, alla scuola di danza e alla John Alden Society, una scuola di galateo. In quarta elementare prese il suo primo sette in matematica. All'età di 14 anni lesse il libro ''I grandi matematici'' di [[Eric Temple Bell]], dove in particolare catturò la sua curiosità il [[teorema di Fermat]] sui [[numeri primi]] e ne escogitò una dimostrazione.<ref>Eric Temple Bell. ''I grandi matematici''. Rizzoli, 1997. Asin B0067C1FSQ.</ref><ref>Nasar, [[John Nash#Bibliografia|''op. cit.'']], pag. 28-33.</ref>