Differenze tra le versioni di "L'albero di Halloween"

m
apostrofo tipografico
m (apostrofo tipografico)
 
==Trama==
La notte di [[Halloween]] accade un fatto molto strano: è apparso un grande albero con centinaia di [[Jack-o'-lantern|zucche intagliate]] appese ai suoi rami. Gli otto ragazzini [[maschera]]ti che stanno girando per le case ripetendo la consueta [[filastrocca]] ''[[Trick or Treat]]'' si accorgono del prodigio ed allo stesso tempo notano che il nono componente del loro gruppo, Pipkin, è sparito. Con l’aiutol'aiuto di una guida a dir poco particolare, chiamata Sudario, inseguono l’amicol'amico in un viaggio tra spazio e tempo, attraverso antico [[Egitto]], [[Grecia]] e [[Roma]], approdando a [[Cattedrale di Notre-Dame|Notre Dame]] in una [[Parigi]] [[medioevo|medievale]] ed ancora con i [[druido|druidi]] [[Celti]]. Lungo il loro percorso, imparano le origini della festa che stavano celebrando e il ruolo che ha sempre giocato la paura della [[morte]]. Lo strano albero di Halloween apparso ai ragazzini serve infatti da [[metafora]] per indicare la confluenza storica delle diverse tradizioni.
 
==Background==
Il romanzo nasce nel [[1967]] come [[sceneggiatura]] per una collaborazione con l’animatorel'animatore [[Chuck Jones]]. Nel [[1992]], Bradbury scrive e racconta una versione animata del libro, per la quale vince l’l'[[Emmy Award]]. Una versione più lunga del libro viene pubblicata nel 2005. questa edizione include anche le due sceneggiature, quella del 1967 così come quella del 1992.<ref>{{Cita libro
| nome = Ray
| cognome = Bradbury
}}</ref>
 
La versione inglese de ''L’alberoL'albero di Halloween'' è illustrata da [[Joseph Mugnaini]], uno dei tanti collaboratori di Bradbury. Il libro è dedicato a Man'Ha Dombasle (1898–1999), una [[scrittore|scrittrice]] e [[traduzione|traduttrice]] [[Francia|francese]], nonna materna della [[cantante]] ed [[attrice]] [[Arielle Dombasle]] e moglie di Maurice Garreau-Dombasle, ambasciatore francese in [[Messico]].
 
== Edizioni ==
1 179 265

contributi