Philippe Val: differenze tra le versioni

1981 comico (note & wiki)
m (→‎Altri progetti: Bot: +controllo di autorità)
(1981 comico (note & wiki))
 
== Biografia ==
Nel [[1981]], Val diventa comico<ref>«Un Val très en grâce», [[Jean-Pierre Thiollet]], ''Le Quotidien de Paris'', 17/07/1981</ref>.
Nel [[1991]], Val diventa direttore del settimanale ''La Grosse Bertha'', per poi essere licenziato l'anno successivo per vari litigi con l'editore. Con i fumettisti [[Gébé]], [[Cabu]], [[François Cavanna]] e [[Georges Wolinski]] ha contribuito a rilanciare il famoso settimanale satirico [[Charlie Hebdo]], crollato nel [[1981]].
 
Nel [[2004]], dopo la morte di [[Gébé]], Val gli succede da direttore di [[Charlie Hebdo]]. Per la sua attività Val ha ricevuto numerose critiche soprattutto dall'estrema destra e dal mondo cattolico, dopo aver criticato una certa vicinanza fra certe frange di estrema sinistra ed i movimenti islamisti Val è stato però pesantemente attaccato anche da sinistra. Alla fine del [[2005]], Val decide di pubblicare le caricature danesi su [[Maometto]] e, a seguito di ciò, il settimanale satirico è stato portato in tribunale da alcune associazioni islamiche con l'accusa di incitamento all'odio. Nel [[2007]], il settimanale viene assolto da tali diritti e Val denuncia i pericoli dell'ideologia islamista, definendola un "nuovo totalitarismo" e ha dedicato la sua vittoria in tribunale per i diritti musulmani.
Utente anonimo