Differenze tra le versioni di "Rete neurale"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  5 anni fa
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
Nel [[1958]], [[János Neumann|J. Von Neumann]] nella sua opera "''The computer and the brain''" esamina le soluzioni proposte dai precedenti autori sottolineando la scarsa precisione che queste strutture possedevano per potere svolgere operazioni complesse.
 
Nello stesso anno, [[Frank Rosenblatt|F. Rosenblatt]] nel libro "''PhychologicalPsychological review''" introduce il primo schema di rete neurale, detto ''[[percettrone|Perceptron]]'' (percettrone), antesignano delle attuali reti neurali, per il riconoscimento e la classificazione di forme, allo scopo di fornire un'interpretazione dell'organizzazione generale dei sistemi biologici. Il modello probabilistico di Rosenblatt è quindi mirato all'analisi, in forma matematica, di funzioni quali l'immagazzinamento delle informazioni, e della loro influenza sul riconoscimento dei pattern; esso costituisce un progresso decisivo rispetto al modello binario di McCulloch e Pitts, perché i suoi pesi sinaptici sono variabili e quindi il percettrone è in grado di apprendere.
 
L'opera di Rosenblatt stimola una quantità di studi e ricerche che dura per un decennio, e suscita un vivo interesse e notevoli aspettative nella comunità scientifica, destinate tuttavia ad essere notevolmente ridimensionate allorché nel [[1969]] [[Marvin Minsky]] e [[Seymour Papert|Seymour A. Papert]], nell'opera "''An introduction to computational geometry''", mostrano i limiti operativi delle semplici reti a due strati basate sul [[percettrone]], e dimostrano l'impossibilità di risolvere per questa via molte classi di problemi, ossia tutti quelli non caratterizzati da separabilità lineare delle soluzioni: questo tipo di rete neurale non è abbastanza potente: non è infatti neanche in grado di calcolare la funzione ''or esclusivo'' ([[Disgiunzione esclusiva|XOR]]). A causa di queste limitazioni, al periodo di euforia dovuto ai primi risultati della [[cibernetica]] (come veniva chiamata negli [[Anni 1960|anni sessanta]]) segue un periodo di diffidenza durante il quale tutte le ricerche in questo campo non ricevono più alcun finanziamento dal governo degli [[Stati Uniti d'America]]; le ricerche sulle reti tendono, di fatto, a ristagnare per oltre un decennio, e l'entusiasmo iniziale risulta fortemente ridimensionato.
Utente anonimo