Differenze tra le versioni di "Federico Commandino"

→‎Biografia: aggiunto riferimento al de superficierum divisionibus
m (Fix tmpl)
(→‎Biografia: aggiunto riferimento al de superficierum divisionibus)
 
== Biografia ==
Nato a [[Urbino]], studiò medicina a [[Padova]] e a [[Ferrara]], dove ottenne la laurea. Suo grande merito per la storia della matematica è stata la sua vasta attività di traduttore in latino delle opere dei matematici dell'epoca greco-ellenistica. Si deve a lui una nuova traduzione di alcune opere di [[Archimede]] (1558, ''Archimedis Opera nonnulla''), tra cui il ''Trattato dei corpi galleggianti''. Tradusse inoltre l'opera di [[Aristarco da Samo]] (''Su le grandezze e le distanze del Sole e della Luna''), la ''[[Collezione matematica]]'' di [[Pappo di Alessandria]] (pubblicata postuma, nel 1588), [[Euclide]] (tradotto anche in italiano), i primi quattro libri delle ''Coniche'' di [[Apollonio di Perga|Apollonio]], pubblicati nel 1566 insieme con il ''De sectione cylindri'' di [[Sereno di Antinoe]] e i commenti di [[Eutocio]]. Tradusse anche alcuni scritti di [[Claudio Tolomeo|Tolomeo]] e di [[Erone di Alessandria]]. Curò, insieme a [[John Dee]], la prima edizione a stampa del ''De superficierum divisionibus liber'' di [[Muhammad al-Baghdadi]].
 
Nel [[1562]] pubblicò un testo sugli orologi solari ''Horologiorum descriptio'' e nel 1565 il ''Liber de centro gravitatis solidorum'', che uscì insieme al suo rifacimento della traduzione latina di [[Guglielmo di Moerbeke]] dei ''Galleggianti'' di [[Archimede]]: in essa Commandino cercava di fornire una dimostrazione della determinazione del centro di gravità del paraboloide di rotazione, risultato citato da [[Archimede]] (ma senza dimostrazione) nel secondo libro dei ''Galleggianti''.