Massimo Martelli: differenze tra le versioni

m (Fix tmpl)
Studia al [[DAMS]] di Bologna e lavora come autore di testi comici per diversi artisti (tra gli altri [[Gemelli Ruggeri]], [[Patrizio Roversi]], [[Syusy Blady]], [[Fabio Fazio]], [[Teo Teocoli]], [[Dario Vergassola]], Diego Abatantuono).
 
Nel 1993 dirige il film mediometraggio ''Per non dimenticare'' sulla [[strage di Bologna]] del 1980, che vince il premio FIPA di Cannes 1994. Dai primi anni novanta alterna le regie di film tv (''[[Il caso Redoli]]'', ''[[Un giorno fortunato]]'', ''[[Love Bugs]]''...) a film per il cinema (''[[Pole Pole]]'', ''[[Muzungu]]'', ''[[Il segreto del successo]]'', ''[[Bar Sport (film)|Bar Sport]]'').
 
Fa inoltre parte del gruppo di autori delle quattro edizioni del [[Festival di Sanremo]] condotte da Fazio (1999,2000,2013,2014) e di numerosi programmi comici Rai, Mediaset e Odeon Tv (''[[Scherzi a parte]]'', ''[[Anima mia (programma televisivo)|Anima mia]]'', ''[[L'ultimo valzer]]'', ''[[Colorado Cafè]]'', ''[[L'araba fenice]]'', ''[[Sportacus]]'', ''[[Un due tre stella (programma televisivo)|Un due tre stella]]'', ''[[Che tempo che fa]]'', ''Che fuori tempo che fa'').
Utente anonimo