Apri il menu principale

Modifiche

replaced: → (2), .. → . (2), typos fixed: n° 2 → nº 2 (12) using AWB
Dal 1976 cominciò a dedicarsi al [[giornalismo]], scrivendo le sue prime critiche nel quotidiano ''El Moudjahid'' e collaborando regolarmentente, tra il 1976 e il 1977, al supplemento ''El Moudjahid Culturel''. Dopo un'interruzione dovuta al servizio militare, nel 1979 riprese a scrivere su ''El Moudjahid''.
 
Nel 1980 passò al settimanale ''Algérie-Actualité'', di cui diresse fino al 1984 la rubrica culturale, divenendone poi editorialista. Qui egli pubblicò numerosi articoli sia sui pittori ([[Baya]], [[Mohammed Khadda]], [[Denis Martinez]], [[Hamid Tibouchi]]) sia sugli scrittori algerini di [[lingua francese]], i cui nomi e le cui opere venivano all'epoca relegati in disparte: [[Jean Amrouche]], [[Mouloud Feraoun]], [[Mouloud Mammeri]], [[Mohamed Dib]], [[Jean Sénac]], [[Bachir Hadj Ali]], [[Messaour Boulanouar]], [[Youcef Sebti]], [[Abdelhamid Laghouati]], [[Malek Alloula]], [[Nabile Farès]]...
 
Nel 1992 fondò e diresse un nuovo settimanale, ''Ruptures'' su cui scrisse fino alla morte. Il primo numero de Ruptures uscì il 16 gennaio [[1993]].
 
Se il giornalismo fu l'arena in cui espresse la propria partecipazione all'attualità culturale e politica del suo paese, il suo talento letterario si espresse anche nella poesia, che egli sempre predilesse, e nella narrativa. Pubblicò infatti numerose raccolte di poesie, novelle e romanzi.
 
Il 26 maggio 1993 venne preso di mira da un commando terrorista che lo colpì con due proiettili alla testa. Era appena uscito il n°º 20 della sua rivista e stava concludendo il n°º 22. Morì 8 giorni dopo, a soli 39 anni. Il suo assassinio inaugurò una lunga stagione di sangue in cui caddero bersaglio dell'intolleranza numerosi altri intellettuali. È sepolto nel paese natale di Oulkhou.
 
Quasi fosse presago della propria tragica fine, il poeta scriveva, in una delle sue prime opere
{{Citazione|Aveva cercato invano<br />l'ombra salutare dei fichi<br />in questo deserto di argilla secca<br />rimestata dai mulinelli<br /><br />quando giunse alla prima oasi<br />degli uomini<br />mollemente distesi sotto le palme<br />dopo essersi dissetati<br />gli sguinzagliarono contro i cani<br />e scaricarono i fucili su di lui<br /><br />e tenendosi le interiora in mano<br />è partito per andare lontano<br />molto lontano<br />sotto il sole calante|''Solstice barbelé'' , p. 13|Il avait cherché en vain<br />l'ombre salutaire des figuiers<br />dans ce désert d'argile sèche<br />que malaxent les tornades<br /><br />lorsqu'il arriva à la première oasis<br />des hommes<br />mollement étendus sous les palmiers<br />après s'être désaltérés<br />lâchèrent sur lui leurs chiens<br />et déchargèrent leurs fusils<br /><br />et les tripes dans les mains<br />il est reparti au loin<br />très loin<br />sous le soleil couchant|lingua=fr}}
 
Poco tempo dopo il suo assassinio, il cantante cabilo [[Lounès Matoub]] (che sarebbe morto anche lui in un agguato terrorista nel 1998) componeva ''Kenza'', una canzone dedicata alla figlia del poeta, in cui ricordava lui e molte altre vittime di quel periodo di insensata violenza: il miliante democratico [[Rachid Tigziri]] (sgozzato il 31 gennaio 1994), il giornalista televisivo [[Smail Yefsah]] (caduto il 18 ottobre 1993), il sociologo [[Djilali Liabès]] (ucciso il 16 marzo 1993), il medico e poeta [[Laddi Flici]] (assassinato il 17 marzo 1993), il medico [[Mahfoud Boucebci]](accoltellato il 15 giugno 1993)...
 
{{Citazione|Anche se hanno abbattuto tante stelle<br />Il cielo non ne resterà mai privo (...)<br />O Kenza, figlia mia,<br />non piangere:<br />il motivo per cui siamo caduti<br />è l'Algeria di domani|[[Lounès Matoub]], ''Kenza'' [trad. di Vermondo Brugnatelli]|Xas neqḍen acḥal d itri<br />Igenni ur inegger ara (...)<br />A Kenza a yelli<br />Ur ttru yara<br />Ssebba f neɣli<br />D Ldzayer n uzekka|lingua=ber}}
==Bibliografia su Tahar Djaout==
* ''Jeunes poètes algériens'' ("Giovani poeti algerini"), scelti da Jean Déjeux, Parigi, Éditions Saint-Germain-des-Prés, [[1981]].
* ''Poètes algériens d'aujourd'hui'' ("Poeti algerini d'oggi"), presentati da Christiane Achour, Poésie 91, n°º 37, Parigi, [[1991]].
* ''L'Algérie de Djaout vaincra'' ("L'Algeria di Djaout vincerà"), "Ruptures" n°º 21, interamente dedicato a Tahar Djaout, 8-14 giugno [[1993]], Algeri. ''Tahar, Présences'' ("Tahar, Presenze"), "Ruptures" n°º 22, 15-21 giugno [[1993]], Algeri. ''Tahar, toujours'' ("Tahar, sempre"), "Ruptures" n°º 23, 22-28 giugno [[1993]], Algeri.
* ''Tahar Djaout, Ruptures et fidélités'' (articoli di Tahar Djaout pubblicati su « Ruptures » e testimonianze), Parigi, Comité International de Soutien aux Intellectuels Algériens (CISIA), Cahiers, n°º 1, [[1993]].
* ''Vols du guêpier, Hommage à Tahar Djaout'', Volume n°º1, (testi di Afifa Berehi, Nora Kazi-Tani, Malika Hadj Naceur, F. B. et S. A., F. A.), Algeri, Équipe de recherche ADISEM, Université d'Alger, [[1994]].
* ''Kaléidoscope critique, Hommage à Tahar Djaout'', Volume n°º2, (testi di [[Jean Pélégri]], Youcef Merahi, [[Rabah Belamri]], Moncef Ghacem, Leila Sebbar, Marc Gontard, Isaac-Célestin Tcheho, Jeannine Fève-Caraguel, Afifa Bererhi, A. Z., Malika Hadj Naceur, Juliana Toso Rodinis, Nora-Alexandra Kazi-Tani, F. A., Saléha Amokrane, Farida Boualit e Michel-Georges Bernard), Algeri, Equipe de recherches ADISEM, Université d'Alger, [[1995]].
*''Écriture et mémoire, Interview de Tahar Djaout par Salima Aït Mohamed'', in ''Écrits d'Algérie'', Marsiglia, Les Écrits des Forges, Québec, et Autres Temps, [[1996]] - ISBN 2908805928
* ''Tahar Djaout'', "Algérie Littérature/Action" n°º 12-13, (testi di Soumya Ammar Khodja e Michel-Georges Bernard, conversazione di Tahar Djaout con I. C. Tcheho), giugno-settembre 1997, Parigi, [[1997]].
*''De vive voix, paroles de Tahar Djaout'' ("Dalla viva voce, parole di Tahar Djaout") trascritte da Michel-Georges Bernard, in "Algérie Littérature/Action" n°º 73-74, settembre-ottobre 2003, Parigi, [[2003]] - ISBN 2913868487
* ''Tahar Djaout'', introduzione di Emmanuel Hiriart, scelta di poesie e documenti, "Poésie/première" n°º 26, Soisy-sur-Seine, Éditions Editinter, [[2003]].
 
== Altri progetti ==