Differenze tra le versioni di "Fontana del Tritone"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
Al di là della perfezione tecnica, dell’armonia compositiva e del gusto artistico, che fanno della fontana del Tritone una delle più belle e più visitate di Roma<ref>A [[Norimberga]], nella Maxplatz, esiste una copia della fontana del Tritone, anche se di valore artistico decisamente inferiore: la “''Tritonbrunnen''”. A [[Olomouc#Altri monumenti|Olomouc]], nella Repubblica ceca, esiste una fontana ispirata da quella di Bernini, in Piazza della Repubblica.</ref>, e pur riconoscendo che l’autore si è certamente ispirato a lavori anche di altri noti “fontanieri”, una caratteristica innovativa dell’opera, che il [[Gian Lorenzo Bernini|Bernini]] utilizzò per la prima volta, e poi sfruttò di nuovo in seguito con successo nonostante le molte critiche, fu la base cava del gruppo scultoreo principale. Contrariamente a quanto sempre realizzato fino ad allora, il gruppo centrale non poggiava infatti su un balaustro o un pilastro centrale, ma su una struttura (nello specifico, le code dei delfini) che lasciava un vuoto al centro.
 
Le colonnine e le inferriate che circondano la fontana, creando una stretta zona di rispetto, risalgono al [[XIX secolo]], quando la piazza iniziava ad essere soggetta ad un intenso traffico.
 
Era anche nota come "''fontana del Tritone sonante''" a causa del sibilo emesso dall'altissimo zampillo che un tempo fuoriusciva dalla conchiglia.
112 746

contributi