Differenze tra le versioni di "Papa Anastasio III"

Rilettura
(Rilettura)
 
=== Origini e carriera ecclesiastica ===
Anastasio nacque da una nobile famiglia romana<ref name=":0">{{Cita|Rendina|p. 313}}</ref>. Figlio di un certo Luciano<ref name=":1">{{Cita|Baronio|p. 519}}</ref>, si suppone che siapossa essere stato il figlio del predecessore, [[papa Sergio III|Sergio III]], ma questa voceipotesi potrebbe confonderlo con l'altro Papapapa di cui si sa checon fubuona quasiprobabilità che certamentefosse figlio di [[papa Sergio III|Sergio]] e [[Marozia]], [[papa Giovanni XI|Giovanni XI]]. Come per altri papi della sua epoca, di Anastasio III non si conosce neanche con esattezza la data in cui fu intronizzato e consacrato: alcuni ipotizzano l'aprile del 911<ref name=":0" />, mentre [[Johann Friedrich Böhmer|Böhmer]] ipotizzaindica perla ldata dell'8 settembre<ref>{{Cita|Böhmer|p. 4}}</ref>; il sito del Vaticano oscilla tra il giugno e il settembre di quell'anno<ref name="Vat1">{{Cita web|titolo=Anastasio III|url=http://w2.vatican.va/content/vatican/it/holy-father/anastasio-iii.html|accesso=2 novembre 2015|editore=vatican.va}}</ref>. La confusione politica, il discredito dell'istituzione papale e la scarsità di fonti non ci permettono di ricostruirne neanche il ''cursus ecclesiasticum'' di Anastasio, tanto che anche l'erudito [[Gaetano Moroni]] si limita a dire che fu eletto e consacrato nel 911<ref name="Mor1">{{Cita|Moroni|p. 37}}</ref>.
 
=== Papato ===
 
=== PapatoPontificato ===
==== Un papa cortigiano ====
Anastasio fu, pertanto, ilun poco classicoedificante esempio di papa cortigiano: non era nient'altro che un semplice e mansueto strumento nelle mani di [[Teodora (X secolo)|Teodora I]] († 916) e di suo marito [[Teofilatto]] († 920)<ref name=":0" />., Dii lui,signori incontrastati di Roma. ilIl cronista [[Flodoardo di Reims]] (893-966) nelo lodò per la mitezza del suo governo<ref name=":0" /><ref>{{Cita|Bertolini}}:{{Citazione|resse con blanda mitezza la Sede Apostolica.|3 = sedem apostolicam blando moderamine rexit.|lingua = La|lingua2 = Ita}}</ref>, proprioche inperò virtùprobabilmente dideriva proprio questodal suo immobilismo politico.
 
L'unica nota pastorale del suo pontificato che ci è pervenuta con sicurezza fu il conferimento, su richiesta del [[Regno d'Italia (781-1014)|re d'Italia]] [[Berengario del Friuli|Berengario I]] (888-924), del [[pallio (cattolicesimo)|pallio]] a Ragimberto, [[vescovo di Vercelli]]<ref name=":2">{{Cita|Bertolini}}</ref>, e la concessione di privilegi al [[vescovo di Pavia]]<ref name=":1" /><ref name="Mor1" />. Dato che sia [[Vercelli]] che [[Pavia]] erano importanti città dei possedimenti di Berengario, ciòsi fapuò pensaresupporre che il re e il Papa abbiano cercatotentato di intrattenere dei buoni rapporti.
 
==== I rapportiRelazioni con Bisanzio ====
Nel [[912]] Anastasio III ricevette una lettera da [[Nicola il Mistico]]<ref name=":2" />, appena reintegrato nella carica di [[Patriarca di Costantinopoli]] (912-925)., Incon questala letteraquale Nicola deplorava sia l'approvazione concessa da [[papa Sergio III|Sergio III]] nel 906 al quinto matrimonio dell'imperatore [[Leone VI il Saggio|Leone VI]] (886-912), sia il comportamento tenuto dagli inviati di Sergiopontifici in tale occasione, ed esigeva riparazioni. Non sappiamoè cosanota risposela Anastasiorisposta IIIdel papa, ma la risposta dev'essere stata negativa o comunque insoddisfacente, perché il patriarca tolse il nome deldi PapaAnastasio III dai [[dittico|dittici]] e si produsse una profonda frattura tra [[Diocesi di Roma|Roma]] e [[Patriarcato di Costantinopoli|Costantinopoli]]<ref name=":2" />.
 
==== La conversione dei Normanni ====
Benché Anastasio non avesse avuto alcun ruolo importante in questo evento, sotto il suo pontificato [[Rollone]], capo dei [[Normanni]], si convertì al [[cristianesimo]]<ref name=":0" />.
 
[[File:Papa Anastasio III.png|left|thumb|250px|''Anastasio III'', disegno tratto da [[Bartolomeo Sacchi|Bartolomeo Sacchi detto il Platina]], ''Vite De' Pontefici'', a cura di [[Onofrio Panvinio]], per i tipografi Turrini, e Brigonci, Venezia 1663]]
=== Morte e sepoltura ===
Anastasio III morì in una data imprecisata: alcunicompresa propendono pertra il mese di giugno<ref>Il {{Cita|Liber pontificalis|p. 239}} afferma che Anastasio morì dopo 2 anni e 3 mesi di pontificato. Se si considera che Sergio III restò sul soglio di Pietro per sette anni, quattro mesi e 17 giorni ({{Cita|Liber pontificalis|p. 236, versione del [[XV secolo]]}}), si può ipotizzare tale mese come data del decesso di Anastasio.</ref>, altri pere la tarda estate (agosto) o addirittura nelll'ottobre dello stessodel anno913<ref>{{Cita|Böhmer|p. 5}}</ref>. Il sito del Vaticano, invece, riporta come plausibili tutte e tre le fonti prima riportate<ref name="Vat1" />. Fu sepolto in [[San Pietro in Vaticano|San Pietro]]<ref name=":0" /><ref name="Mor1">{{Cita|Moroni|p. 37}}</ref>, e sulla sua tomba fu posto quest'epitaffio:
[[File:Papa Anastasio III.png|left|thumb|250px|''Anastasio III'', disegno tratto da [[Bartolomeo Sacchi|Bartolomeo Sacchi detto il Platina]], ''Vite De' Pontefici'', a cura di [[Onofrio Panvinio]], per i tipografi Turrini, e Brigonci, Venezia 1663]]
Anastasio III morì in una data imprecisata: alcuni propendono per il mese di giugno<ref>Il {{Cita|Liber pontificalis|p. 239}} afferma che Anastasio morì dopo 2 anni e 3 mesi di pontificato. Se si considera che Sergio III restò sul soglio di Pietro per sette anni, quattro mesi e 17 giorni ({{Cita|Liber pontificalis|p. 236, versione del [[XV secolo]]}}), si può ipotizzare tale mese come data del decesso di Anastasio.</ref>, altri per la tarda estate (agosto) o addirittura nell'ottobre dello stesso anno<ref>{{Cita|Böhmer|p. 5}}</ref>. Il sito del Vaticano, invece, riporta come plausibili tutte e tre le fonti prima riportate<ref name="Vat1" />. Fu sepolto in [[San Pietro in Vaticano|San Pietro]]<ref name=":0" /><ref name="Mor1">{{Cita|Moroni|p. 37}}</ref>, e sulla sua tomba fu posto quest'epitaffio:
 
Fu sepolto in [[Antica Basilica di San Pietro in Vaticano|San Pietro]]<ref name=":0" /><ref name="Mor1">{{Cita|Moroni|p. 37}}</ref>, e sulla sua tomba fu posto quest'epitaffio:
{{Citazione|Nel sepolcro riposano le spoglie di Papa Anastasio, / ma mai un po' di terra sigilla il merito. / Resse la Sede Apostolica con dolce moderazione, / colui che fu il terzo nella numerazione dei Pontefici [a portare questo nome]. / Avviandosi verso Cristo, spera che Lui possa sciogliere, con clemenza, tutte le catene del peccato. / Da ogni parte coloro che corrono alle soglie del tempio [la Basilica Vaticana], chiedete con cuore a Dio che gli conceda pace.|{{Cita|Baronio|p. 530}}|Vatis Anastasii requiescunt membra sepulcro: / Sed numquam meritum parvula claudit humus. / Rexit apostolicam blando moderamine sedem / Tertius existens ordine Pontificum. / Ad Christum pergens, peccati vincula sperat / Omnia clementer solvere posse sibi. / Undique currentes huius ad limina templi, / Ut praestet requiem poscite corde Deum. |lingua = La|lingua2 = Ita}}
 
 
== Bibliografia ==
 
* [[Cesare Baronio]], ''Annales ecclesiastici'', in: {{Cita libro|autore = Cesare Baronio|titolo=Annales Ecclesiastici Caesaris Baronii|curatore=Augustin Theiner|editore=Barri-Ducis-Guerin et sociis|città=Torino|anno=1868|volume=15|url=https://archive.org/stream/annalesecclesias15barouoft#page/n7/mode/2up|accesso=1 novembre 2015|SBN=IT\ICCU\PUV\0612486|cid=Baronio}}
* {{Cita libro|autore = [[Paolo Bertolini]]|titolo = Anastasio III|collana=Enciclopedia dei Papi|editore= Istituto dell'Enciclopedia Italiana|città=Roma|data = 2000|volume=2|url = http://www.treccani.it/enciclopedia/anastasio-iii_%28Enciclopedia_dei_Papi%29/|accesso = 1 novembre 2015|SBN= IT\ICCU\USS\0002453|cid= Bertolini}}
1 058

contributi