Differenze tra le versioni di "Radovan Karadžić"

m
Bot: Correzione di uno o più errori comuni
m (WPCleaner v1.38 - Disambigua corretti 3 collegamenti - Craina, Mosca, Partito Democratico Serbo)
m (Bot: Correzione di uno o più errori comuni)
|PostNazionalità = , di etnia serba, ex presidente della [[Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina|Repubblica Serba di Bosnia]]
}}
Fu uno dei protagonisti politici delle [[Guerre jugoslave|Guerre nella ex-Jugoslavia]], incriminato di [[crimini di guerra]] e [[genocidio]] dal [[Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia]] (ITCY) dell'[[L'Aia|Aja.]] .<ref>{{Cita web|autore=|url=http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/7518543.stm|titolo=Serbia captures fugitive Karadzic|accesso=|editore=|data=}}</ref> E'È stato latitante dal 1996 fino al luglio 2008. Fu emesso un mandato di cattura internazionale eccezionale in base all'articolo 61 del Tribunale. Il governo degli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]] aveva offerto una taglia di 5 milioni di dollari per la sua cattura e per quella del generale serbo-bosniaco [[Ratko Mladić]]. <ref>{{Cita web|autore=BalcaniCaucaso|url=http://www.balcanicaucaso.org/aree/Bosnia-Erzegovina/Radovan-Karadzic-lo-si-vuole-veramente-catturare-20575|titolo=Radovan Karadzic: lo si vuole veramente catturare?|accesso=|editore=|data=}}</ref> Durante la latitanza lavorò in una clinica privata di [[Belgrado]] specializzandosi in medicina alternativa e psicologia con il falso nome di [[Dragan David Dabic]]. <ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.reuters.com/article/idUSL22936908|titolo=Karadzic lived as long-haired, New Age doctor|accesso=|editore=|data=}}</ref> Suo nipote, Dragan Karadžić, disse in un intervista al [[Corriere della Sera]] che Radovan Karadžić era presente ad un match di calcio di Serie A,essendo un fan dei calciatori serbi [[Siniša Mihajlović]] e [[Dejan Stanković]], e che visitò [[Venezia]].<ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.corriere.it/esteri/08_luglio_27/karadzic_italia_tifo_inter_517d3d86-5bb0-11dd-b836-00144f02aabc.shtml|titolo=«Mio zio Karadzic in Italia:
allo stadio per tifare Inter»|accesso=|editore=|data=}}</ref> Alcune volte viene definito dai media occidentali come il "macellaio di Bosnia", nomignolo utilizzato anche per il generale dell' eserciro della Repubblica Serba [[Ratko Mladić]].<ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.cbn.com/cbnnews/world/2011/may/butcher-of-bosnia-arrested-in-serbia/?mobile=false|titolo='Butcher of Bosnia' Arrested In Serbia|accesso=|editore=|data=}}</ref>
 
Spinto da [[Dobrica Ćosić]], che sarà poi primo presidente della Repubblica Federale della Jugoslavia, e da Jovan Rašković , leader dei serbi croati, fu tra i fondatori del [[Partito Democratico Serbo (Bosnia ed Erzegovina)|Partito Democratico Serbo]] (''[[Srpska demokratska stranka|Srpska Demokratska Stranka]]'') in [[Bosnia ed Erzegovina|Bosnia Erzegovina]] nel 1989. Il partito aveva l'obiettivo di unire i serbo-bosnicaci ed i serbo-croati alla Jugoslavia in caso di secessione della Repubblica croata e bosniaca dalla Federazione Jugoslava. <ref>{{Cita web|autore=BalcaniCaucaso|url=http://www.balcanicaucaso.org/aree/Bosnia-Erzegovina/Buongiorno-Bosnia-42319|titolo=Buongiorno, Bosnia|accesso=|editore=|data=}}</ref>
 
Durante il settembre 1991, l'SDS stabilì delle "Regioni Autonome Serbe" in Bosnia Erzegovina. Dopo che il Parlamento bosniaco dichiarò l'indipendenza il 15 ottobre 1991, venne fondato a [[Banja Luka]] il 24 ottobre un parlamento serbo, che rappresentava esclusivamente i serbi della Bosnia Erzegovina. Il mese successivo i serbo-bosniaci tennero un referendum da cui emerse che la stragrande maggioranza dei votanti desiderava unirsi in uno stato federale insieme alla Serbia e Montenegro, come membri della Jugoslavia. Nel dicembre del 1991, un documento top secret intitolato "Per l'attività e l'organizzazione degli organi della popolazione serba in Bosnia Erzegovina in circostanze eccezzionalieccezionali " fu creato dai leader dell'SDS. Non era altro che un programma centralizzato per la presa di potere in ogni municipalità del paese attraverso la creazione di un governo ombra e di strutture para-governative attraverso delle "crisi di governo" e nel preparare i lealisti serbi a coordinarsi con l'Armata Popolare Jugoslva (JNA). <ref>{{Cita libro|autore=Gow, James|titolo=The Serbian Project and Its Adversaries: A Strategy of War Crimes|anno=122-123|editore=|città=|p=|pp=|ISBN=}}</ref>
 
Il 9 gennaio 1992, l'Assemblea Serbo-Bosniaca proclamò la Repubblica del Popolo Serbo di Bosnia Erzegovina (Република српског народа Босне и Херцеговине/Republika srpskog naroda Bosne i Hercegovine). Il 28 febbraio 1992 venne adottata la costituzione della Repubblica del Popolo Serbo di Bosnia Erzegovina e venne dichiarato che il territorio di tale stato includeva le regioni autonome serbe, municipalità e altre entità di etnia serba cosicosì come "tutte le regioni in cui la popolazione serba rappresenta una minoranza a seguito del genocidio della [[Seconda guerra mondiale|Seconda Guerra Mondiale]]" e che tale territorio era parte dello stato federale jugoslavo. Tra il 29 febbraio ed il 1º marzo 1992 si tenne il referendum sull'indipendenza della Bosnia Erzegovina della Jugoslavia. Molti Serbi lo boicottarono mentre vi parteciparono i bosniaci ed i croati che erano a favore dell'indipendenza.<ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.balkaninsight.com/en/article/bosnian-independence-day-still-divides-ethnic-groups|titolo=Bosnian Independence Day Divides Ethnic Communities|accesso=|editore=|data=}}</ref>
 
== Presidente della Republika Srpska ==
'''Tentata cattura in austria'''
 
E'È stato riportato che Karadžić scampò alla cattura a [[Vienna]] nel maggio del 2007, dove viveva con il nome di Peter Glumac. Si presentava come venditore croato di soluzioni alle erbe e unguenti. La polizia austriaca parlò con lui durante un contollo legato ad un omicidio avvenuto nell'area in cui abitava Karadžić. Non venne però riconosciuta la sua vera identità. Aveva ottenuto un passaporto croato e aveva detto di essere a Vienna per un corso. <ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/austria/2461148/Radovan-Karadzic-evaded-capture-last-year-in-Austria.html|titolo=Radovan Karadzic evaded capture last year in Austria|accesso=|editore=|data=}}</ref> La polizia non fece altre domande e non gli prese le impronte digitali visto che appariva calmo e rispondeva prontamente alle domande. <ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.reuters.com/article/us-warcrimes-karadzic-austria-idUSL543550020080725?pageNumber=1&virtualBrandChannel=0|titolo=Karadzic escaped arrest in Austria last year: report|accesso=|editore=|data=}}</ref> Dragan Karadžić, suo nipote, dichiarò in un intervista al [[Corriere della Sera]] che lo zio aveva assistito ad una partita di calcio della Serie A e visitato Venezia con il nome di Peter Glumac.<ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.corriere.it/esteri/08_luglio_27/karadzic_italia_tifo_inter_517d3d86-5bb0-11dd-b836-00144f02aabc.shtml|titolo=Mio zio Karadzic in Italia: allo stadio per tifare Inter»|accesso=|editore=|data=}}</ref>
 
'''Arresto'''
L'arresto di Radovan Karadžić ebbe luogo a [[Belgrado]] il 21 luglio 2008.<ref>{{Cita web|autore=|url=http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/7518543.stm|titolo=Serbia captures fugitive Karadzic|accesso=|editore=|data=}}</ref> La ricompensa per il suo arresto non è mai stata richiesta: nonostante ciò ci vocifera che l'arresto sia avvenuto per mano di alcune persone locali che avevano scoperto la sua vera identità e volevano avere il denaro. Se vero, questo spiegherebbe come il governo serbo affermò che la sua polizia (MUP) non centrava nulla con l'arresto. Karadžić è stato trasferito in custodia all'Aja il 30 luglio. <ref>{{Cita web|autore=|url=https://web.archive.org/web/20110522062729/http://www.gmanews.tv/story/110336/Karadzic-being-held-in-same-jail-as-Milosevic-was|titolo=Karadzic being held in same jail as Milosevic was|accesso=|editore=|data=}}</ref>10.000 persone manifestarono a Belgrado per protestare contro l'estradizione. <ref>{{Cita web|autore=BalcaniCaucaso|url=http://www.balcanicaucaso.org/aree/Bosnia-Erzegovina/Benvenuto-Mr-Karadzic-42454|titolo=Benvenuto, Mr Karadžić|accesso=|editore=|data=}}</ref> Il 31 luglio Karadžić è apparso in tribunale davanti al giudice Alphons Orie che ha condannato 64 accusati dal 1993. Durante la prima udienza, Radovan Karadžić espresse preoccupazione per la sua vita dicendo "Se Holbrooke vuole la mia morte e si rammarica che non esiste la pena di morte qui, voglio sapere se il suo braccio è lungo abbastanza da raggiungermi qui". <ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2008/07/31/AR2008073100363.html?hpid=moreheadlines|titolo=At Hague Tribunal, Karadzic Vows to Defend Himself|accesso=|editore=|data=}}</ref> Affermò anche che il patto che aveva fatto con Holbrooke era la ragione per cui c'erano voluti 13 anni a portarlo davanti al tribunale ICTY. Ha fatto accuse simili contro l'ex segretario di stato americano [[Madeleine Albright]]. Muhamed Sacirbey, ministro degli esteri bosniaco di quel tempo, dichiarò che l'accordo Karadžić-Holbrooke era stato siglato nel luglio 1996.
 
Nell'agosto 2008 Karadžić dichiarò che era in corso una cospirazione contro di lui. Definì la corte, presieduto dal giudice scozzese Iain Bonomy "tribunale della [[Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord|NATO]]" mascherato da tribunale internazionale. <ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.cctv.com/english/20080830/100530.shtml|titolo=UN tribunal enters plea for Karadzic|accesso=|editore=|data=}}</ref> <ref>{{Cita web|autore=|url=http://www.nytimes.com/2008/08/30/world/europe/30hague.html?ref=europe|titolo=Karadzic Declines to Plead at War Crimes Court|accesso=|editore=|data=}}</ref>Il 13 ottobre 2009, la BBC ha riportato che la richiesta di immunità dalle accuse gli era stata negata. L'inizio del processo venne spostato al 26 ottobre cosicosì da poter preparare una difesa. <ref>{{Cita web|autore=|url=http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/8305707.stm|titolo=Karadzic immunity appeal rejected|accesso=|editore=|data=}}</ref>
 
Lunedi 26 ottobre 2009, 15 minuti dopo l'inizio del processo questo venne sospeso dal momento che aveva iniziato un boicottaggio dell'udienza. Il giudice O-Gon Kwon disse che in assenza di Karadžić, o di chi lo difendeva, o di qualunque avvocato che lo rappresentava, il caso era sospeso per 24 ore quando l'accusa avrebbe iniziato il suo rapporto. L'atteggiamento di Karadžić fu definito dai giudici "poco collaborativo". Particolare Iain Bonomy dichiarò " "Quello che lei sta dicendo è che vuole condurre in prima persona questa causa, ma che non è in grado di condurla. Questa per la corte è una situazione insoddisfacente.<ref>{{Cita web|autore=BalcaniCaucaso|url=http://www.balcanicaucaso.org/aree/Bosnia-Erzegovina/Karadzic-processo-al-rallenty-44845|titolo=Karadžić, processo al rallenty|accesso=|editore=|data=}}</ref> Il 5 novembre 2009 la corte gli impose con la forza un avvocato e decise di posticipare il suo processo al 1 marzo 2010.<ref>{{Cita web|autore=|url=http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/8344851.stm|titolo=Court imposes lawyer on Karadzic|accesso=|editore=|data=}}</ref>
95 017

contributi