Grande Scisma: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
m (Annullate le modifiche di 93.49.159.180 (discussione), riportata alla versione precedente di Gac)
Nessun oggetto della modifica
{{NN|religione|febbraio 2016|}}
{{nota disambigua|lo scisma avignonese del XIV secolo|Scisma d'Occidente}}
Il '''Grande Scisma''', conosciuto dalla storiografia occidentale come '''Scisma d'Oriente''' e definito dagli [[Chiesa ortodossa|Ortodossi]] '''Scisma dei Latini''' o '''Scisma d'Occidente,''' fu l'evento che, rompendo l'unità di quella che fu la Chiesa di Stato dell'[[Impero romano]] basata sulla [[Pentarchia]], divise la [[Cristianità]] [[Concilio di Calcedonia|Calcedonese]] fra la [[Chiesa cattolica]] occidentale, che aveva sviluppato il concetto del primato (anche giurisdizionale) del Vescovo di Roma (in quanto considerato successore dell'Apostolo Pietro), e la [[Chiesa ortodossa]] orientale, che invece riteneva di rappresentare la continuità della chiesa indivisa del primo millennio, senza cedimenti a quelle che riteneva innovazioni dei Latini. Sebbene normalmente si indichi il [[1054]] come anno dello scisma, ossia quando il [[Papa Leone IX]], attraverso i suoi legati, lanciò la [[scomunica]] al [[patriarca di Costantinopoli|patriarca]] [[Michele I Cerulario]] e quest'ultimo, a sua volta, rispose con un proprio [[anatema]] scomunicando il Papa, lo Scisma fu in realtà il risultato di un lungo periodo di progressivo distanziamento fra le due [[Chiesa (comunità)|Chiese]]. Le dispute alla base dello scisma erano sostanzialmente due. La prima riguardava l'autorità papale: il Papa (ossia il Vescovo di Roma), ritenendosi investito del primato petrino su tutta la Chiesa per mandato di Cristo, da cui avrebbe ricevuto le "chiavi del Regno dei Cieli" e l'autorità di "pascerne gli agnelli" (cfr. i Vangeli di Matteo e Giovanni) e quindi di un vero potere giurisdizionale (secondo il linguaggio rabbinico conferire le chiavi a qualcuno significa investirlo di un'autorità), iniziò a reclamare la propria "naturale" autorità anche sui quattro [[Patriarcato (cristianesimo)|patriarcati]] orientali ([[Costantinopoli]], [[Alessandria d'Egitto|Alessandria]], [[Antiochia]] e [[Gerusalemme]], che, con Roma, formavano la cosiddetta [[pentarchia]]). Questi erano disposti a concedere al [[Patriarca d'Occidente]] un primato solo onorario e a lasciare che la sua autorità effettiva si estendesse solo sui cristiani d'Occidente, ritenendo il primato romano privo di fondamento scritturistico. L'altra disputa, di ambito [[trinità (cristianesimo)|trinitario]] e apparentemente meno "politica" concerneva l'aggiunta del ''[[Filioque]]'' nel [[Credo niceno]], avvenuta in ambito latino. Esistevano inoltre altre cause, meno significative, fra le quali talune variazioni di certi riti [[liturgia|liturgici]], e rivendicazioni conflittuali di [[giurisdizione]].
 
Le dispute alla base dello scisma erano sostanzialmente due. La prima riguardava l'autorità papale: il Papa (ossia il Vescovo di Roma), ritenendosi investito del primato petrino su tutta la Chiesa per mandato di Cristo, da cui avrebbe ricevuto le "chiavi del Regno dei Cieli" e l'autorità di "pascerne gli agnelli" (cfr. i Vangeli di Matteo e Giovanni) e quindi di un vero potere giurisdizionale (secondo il linguaggio rabbinico conferire le chiavi a qualcuno significa investirlo di un'autorità), iniziò a reclamare la propria "naturale" autorità anche sui quattro [[Patriarcato (cristianesimo)|patriarcati]] orientali ([[Costantinopoli]], [[Alessandria d'Egitto|Alessandria]], [[Antiochia]] e [[Gerusalemme]], che, con Roma, formavano la cosiddetta [[pentarchia]]). Questi erano disposti a concedere al [[Patriarca d'Occidente]] un primato solo onorario e a lasciare che la sua autorità effettiva si estendesse solo sui cristiani d'Occidente, ritenendo il primato romano privo di fondamento scritturistico. L'altra disputa, di ambito [[trinità (cristianesimo)|trinitario]] e apparentemente meno "politica" concerneva l'aggiunta del ''[[Filioque]]'' nel [[Credo niceno]], avvenuta in ambito latino. Esistevano inoltre altre cause, meno significative, fra le quali talune variazioni di certi riti [[liturgia|liturgici]], e rivendicazioni conflittuali di [[giurisdizione]].
[[File:Christ Handing the Keys to St. Peter by Pietro Perugino (crop).jpg|thumb|Affresco nella [[Cappella Sistina]] raffigurante [[Gesù]] che consegna le chiavi a [[san Pietro]], opera ([[1481]]-[[1482|'82]]) del [[Perugino]].]]
La Chiesa si divise lungo linee [[dottrina cristiana|dottrina]]li, [[teologia|teologiche]], [[linguistica|linguistiche]], [[politica|politiche]] e [[geografia|geografiche]], e la frattura fondamentale non si è, finora, più rinsaldata. Si ebbero, in effetti, due formali riunioni dell'Oriente con Roma, nel [[1274]] (nel [[Secondo Concilio di Lione]]) e nel [[1439]] (nel [[Concilio di Basilea, Ferrara e Firenze|Concilio di Firenze]]), ma in entrambi i casi le riconciliazioni tra Roma e l'Oriente furono poi disconosciute dai fedeli e dal basso clero delle Chiese orientali, in quanto i capi spirituali che vi presero parte, nel consentire queste cosiddette "unioni", avrebbero oltrepassato la propria autorità, non ottenendo alcuna ritrattazione da parte latina delle "prassi" controverse affermatesi in Occidente. Gli ulteriori tentativi di riconciliare le chiese d'Oriente e quella di Roma fallirono, tuttavia alcune comunità ecclesiastiche, inizialmente Ortodosse, nel corso dei secoli cambiarono giurisdizione, riconoscendo l'autorità del [[Papa]] e diventando Cattoliche. Tali comunità sono ora dette ''[[Chiese di rito orientale|Chiese cattoliche di rito orientale]]'' ovvero Uniati (termine spregiativo con cui gli ortodossi indicano coloro i quali si sono sottomessi a Roma, accettandone il contestato primato giurisdizionale).
Utente anonimo