Apri il menu principale

Modifiche

Ripristino alla versione 79516176 datata 2016-03-14 16:04:16 di Pil56-bot tramite popup
Non sempre le denominazioni originarie erano strettamente collegate ai partiti di riferimento. Ad esempio le [[Brigate Osoppo]] del [[Friuli]], che erano nate con un grande contributo del PdA, accentuarono la loro dipendenza dalla DC e dal clero friulano. Le Brigate Fiamme Verdi si diversificarono nel territorio: quelle lombarde, nate dagli intellettuali cattolici, si trasformarono in formazioni solo "militari" con orientamento genericamente liberale; quelle [[Reggio Emilia|reggiane]], invece, furono direttamente guidate dalla DC alla quale facevano riferimento anche le Brigate del Popolo. Similmente le formazioni Mazzini che in Lombardia facevano riferimento al [[Partito Repubblicano Italiano|PRI]] in Veneto non avevano il medesimo legame.
 
== Lista di formazioniFormazioni famose ==
=== SulIn territorio italianoItalia ===
Di seguito vengono elencati i comandi di Divisione e di Brigata delle formazioni partigiane che operarono nelle montagne del Centro Nord dell'Italia nell'aprile del 1945 in funzione delle aree operative (che avevano confini variabili rispetto ai limiti territoriali provinciali) secondo la classificazione data da [[Roberto Battaglia]]<ref>Roberto Battaglia, ''Storia della resistenza italiana'', Einaudi, 1964</ref>.
 
Le Brigate Osoppo furono coordinate, per un periodo del 1944, da Comandi militari unificati di Divisione assieme alle Brigate Garibaldi pur continuando ad avere l'autonomia organizzativa. Un esempio fu l'esperienza unitaria della [[Repubblica libera della Carnia]].
 
=== Composte da militariAll'estero ===
{{Vedi anche|Esercito cobelligerante italiano}}
Significative furono le formazioni partigiane, costituite dai militari dei reparti delle ex-divisioni del [[Regio Esercito Italiano]], che dopo l'8 settembre 1943 si trovavano fuori degli attuali confini nazionali, nei territori dei Balcani. I militari decisero, volontariamente, di riorganizzarsi per non essere fatti prigionieri e combattere l'esercito nazista, collaborando con le formazioni locali. Tra le formazioni si segnalano: