Differenze tra le versioni di "Juan García Oliver"

nessun oggetto della modifica
m (typo)
'''Juan Garcia Oliver''' ([[Reus]]-[[Guadalajara]], [[19011902]] - [[Guadalajaca- Jalisco]], [[1980]]) fu un rivoluzionario [[anarco-sindacalista]] e una figura di spicco dell'[[anarchismo]] [[spagnolo]].
 
Durante lo [[sciopero]] generale del [[1917]], Garcia Oliver arrivò a [[Barcellona]] e fu coinvolto in attività [[sindacato|sindacali]]; assieme a [[Buenaventura Durruti]] e [[Francisco Ascaso]], fondò "Los Solidarios", un gruppo anarchico responsabile per vari assassinii, incluso un attentato alla vita del [[Re Alfonso XIII]]. Nel [[1920]] si unì alla [[Confederación Nacional del Trabajo]] (T]]), forte [[sindacato]] anarchico.
 
Lasciò il governo più tardi lo stesso mese, ma rimase attivo in Barcellona fino alla caduta della [[Catalogna]] nel [[1939]], rifugiandosi dapprima in [[Francia]], quindi in [[Svezia]] e finalmente in [[Messico]], dove rimase fino alla sua morte, lavorando anche come rappresentante di coloranti per tessuti, e dove oggi è sepolto.
 
Lo scrittore italiano Fulvio Abbate ha dedicato alla sua storia un racconto-reportages, "Il ministro anarchico", Baldini Castoldi Dalai, 2004.
 
[[en:Juan García Oliver]]
Utente anonimo