Differenze tra le versioni di "Piano di partizione della Palestina"

rb
(Battitura)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(rb)
}}
 
Il 29 novembre [[1947]], il '''Piano di partizione della Palestina''' elaborato dall'UNSCOP (''United Nations Special Committee on Palestine'') fu approvato dall'[[Assemblea Generale delle Nazioni Unite]], a [[New York]] ('''Risoluzione 181 dell'Assemblea Generale'''). Tale Piano, destinato a risolvere [[Conflitti arabo-israeliani|il conflitto]] fra [[ebrei]] e [[arabi]], scoppiato già durante il [[Mandato britannico della Palestina]], proponeva la partizione del territorio palestinese fra due istituendi Stati, uno ebraico, l'altro arabo, con [[Gerusalemme]] sotto controllo internazionale. Il rifiuto di questo Piano dai Paesi arabi, il deterioramento delle relazioni fra ebrei e arabi in [[Palestina]], condusserocosì come la natura prettamente coloniale della decisione presa senza neanche consultare la popoalzione palestinese, condusse alla [[Guerra arabo-israeliana del 1948]]-1949.
 
== Creazione del Piano ==
Sotto un profilo più tecnico, gli arabi criticarono anche il tracciato di frontiera. Esso avrebbe portato a inglobare la gran parte dei villaggi ebraici all'interno dello Stato ebraico, mentre ciò non si sarebbe verificato per quanto riguardava la maggior parte dei villaggi arabi. Un'altra delle critiche riguardava il fatto che lo Stato arabo non avrebbe avuto sbocchi sul [[Mar Rosso]] e sul [[Mar di Galilea]] (quest'ultimo la principale risorsa idrica della zona) e che gli sarebbe stato assegnato solo un terzo della costa mediterranea. Oltre a questo veniva criticato il fatto che alla popolazione ebraica minoritaria (33% della popolazione totale) venisse assegnata la maggioranza del territorio.
 
Le nazioni arabe, contrarie alla suddivisione del territorio e alla creazione di uno stato ebraico, fecero ricorso alla [[Corte Internazionale di Giustizia]], sostenendo la non competenza dell'assemblea delle Nazioni Unite nel decidere la ripartizione di un territorio andando contro la volontà della maggioranza (araba) dei suoi residenti, ma il ricorso fu, giustamente, respinto.
 
=== Reazioni ebraiche ===