Apri il menu principale

Modifiche

Alcuni autori oggi ritengono inoltre che le opere di Luca siano state composte in un arco di tempo relativamente esteso e abbiano trovato la loro redazione definitiva verso il [[70]]<ref name="Marshall"/><ref>Una datazione verso la fine degli anni [[60]], quando Luca avrebbe seguito Paolo a Roma per completare l'opera prima della morte dell'apostolo, viene citata anche in Francesco Bianchi, ''Atti degli Apostoli'', Città Nuova, 2003.</ref>. La maggioranza degli studiosi ritiene comunque che la stesura degli ''Atti'' sia avvenuta tra l'[[80]] e il [[90]], subito dopo la composizione del ''Vangelo secondo Luca''<ref name="Bianchi"/>.
 
D'altronde il [[biblista]] [[cattolico]] [[francia|francese]], esegeta, studioso dei [[Bibbia|testi biblici]] e traduttore dei [[Manoscritti del Mar Morto]], [[Jean Carmignac]] della dell'''[[École biblique et archéologique française de Jérusalem ''(''[[Scuola biblica di Gerusalemme]]''), nella sua opera ''NascitaLa nascita dei vangeli sinottici'' ha osservato che: «Fino a quando non sarà trovata una prova oggettiva del contrario, la conclusione più scientifica è di riconoscere che gli Atti sono stati necessariamente composti durante la prigionia romana di Paolo, dunque tra il 61 e il 63»<ref>''Nascita dei vangeli sinottici'', di [[Jean Carmignac]], pagina 72, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 1986 ISBN 978-88-215-2832-3</ref>
 
=== Lingua e stile ===