Differenze tra le versioni di "Confederazione polacco-lituana"

nessun oggetto della modifica
m (wl)
La '''Confederazione polacco-lituana''', chiamata anche '''Repubblica delle Due Nazioni''' o '''Confederazione di Entrambe le Nazioni''', ([[Lingua polacca|polacco]]: ''[[Rzeczpospolita (politica)|Rzeczpospolita]] Obojga Narodów'', [[Lingua lituana|lituano]]: ''Abiejų tautų respublika'', [[Lingua latina|latino]]: ''Serenissima Res Publica Poloniae'') fu uno stato sovrano, esistente dal [[1569]] al [[1795]]; nata dall'unione politica della [[Corona del Regno di Polonia]] e il [[Granduca di Lituania]] retta da una monarchia ([[Monarchia elettiva]]), senza però alcuna autorità assoluta su tali territori, ma solo rappresentativa.
 
La nazione era divisa in 3 province e a sua volta in circa 42 [[voivodati]], a loro volta divisi in contee, ''Starostwa'' e città. L'amministrazione governativa era basata su un continuo sistema di spartizioni territoriali, una all'interno dell'altra, e tali spartizioni erano comandate da una o più famiglie nobili, che esercitavano un'autorità politica, militare ed ereditaria autonoma rispetto a quella del re (che nei voivoidati era rappresentata dai ''Sejm regionali''). Il potere esecutivo e governativo era largamente decentralizzato e spartito tra i membri del [[Camera dei deputati (Polonia)|Camera dei deputati della Polonia]] (parlamento), in particolare tra classe nobile della [[Szlachta]], e in minor parte dal re (''Krol''). Il paese durante il [[XVI secolo]] era diventato una delle maggiori potenze europee, tuttavia la scarsa autorità regia, e la natura elettiva della corona faranno sì che la confederazione venga letteralmente divisa tra [[Prussia]], [[Austria]] e [[Russia]].
 
== Storia ==
Utente anonimo