Differenze tra le versioni di "Elocutio"

20 byte rimossi ,  5 anni fa
leggibilità
(-{{S}})
(leggibilità)
A queste quattro fasi la tradizione latina fece corrispondere rispettivamente ''[[inventio]]'', ''[[dispositio]]'', ''elocutio'' e ''[[actio]]'' (o ''pronuntiatio'') e aggiunse la fase della ''[[memoria (retorica)|memoria]]'', fra ''elocutio'' e ''actio''.<ref name=treccaniretorica/>
 
In questo contesto, l<nowiki>'</nowiki>''elocutio'' rappresenta l'elaborazione di un parlare ornato e comprenderinvia strumenti quali i [[Tropo (retorica)|tropi]] e le [[Figura retorica|figure]].<ref name=treccaniretorica/> In questo senso, l<nowiki>'</nowiki>''elocutio'' rinviadunque alla manipolazione e al perfezionamento prettamente linguistico di un discorso, i cui punti centrali e i cui argomenti sono stati individuati nella fase della ''inventio'' e disposti e ordinati nella ''dispositio''. Elementi caratteristici della ''elocutio'' sono i [[Tropo (retorica)|tropi]] e le [[Figura retorica|figure]].<ref name=treccaniretorica/><ref name=treccanielocutio>[http://www.treccani.it/enciclopedia/elocutio/ Scheda] sulla ''elocutio'', su treccani.it.</ref> La tradizione latina individuò delle qualità specifiche del parlare ornato (dette ''virtutes elocutionis'')<ref name=treccanielocutio/>:
*''puritas'' (la correttezza lessicale e grammaticale);
*''perspicuitas'' (la nitidezza del discorso);
111 128

contributi