Differenze tra le versioni di "Elocutio"

m
meglio
(leggibilità)
m (meglio)
A queste quattro fasi la tradizione latina fece corrispondere rispettivamente ''[[inventio]]'', ''[[dispositio]]'', ''elocutio'' e ''[[actio]]'' (o ''pronuntiatio'') e aggiunse la fase della ''[[memoria (retorica)|memoria]]'', fra ''elocutio'' e ''actio''.<ref name=treccaniretorica/>
 
In questo contesto, l<nowiki>'</nowiki>''elocutio'' rappresenta l'elaborazione di un parlare ornato e rinvia dunque alla manipolazione e al perfezionamento prettamente linguistico di un discorso, i cui punti centrali e i cui argomenti sono stati individuati nella fase della ''inventio'' e disposti e ordinati nella ''dispositio''. Elementi caratteristici della ''elocutio'' sono i [[Tropo (retorica)|tropi]] e le [[Figura retorica|figure]].<ref name=treccaniretorica/><ref name=treccanielocutio>[http://www.treccani.it/enciclopedia/elocutio/ Scheda] sulla ''elocutio'', su treccani.it.</ref> La tradizione latina individuò delle qualità specifiche del parlare ornato (dette ''virtutes elocutionis'')<ref name=treccanielocutio/>:
 
La tradizione latina individuò delle qualità specifiche del parlare ornato (dette ''virtutes elocutionis'')<ref name=treccanielocutio/>:
*''puritas'' (la correttezza lessicale e grammaticale);
*''perspicuitas'' (la nitidezza del discorso);
*''ornatus'' (l'eleganza dell'espressione);
*''aptum'' (l'armonia dell'orazione, tanto interna, nella definizione del rapporto tra le parti, quanto quella esterna, in rapporto all'argomento trattato, al contesto, al pubblico).
 
La ''virtus elocutionis'' detta ''aptum'' veniva poi meglio definita attraverso l'elaborazione di una dottrina dei ''genera elocutionis'', in cui tali ''genera'' (cioè 'stili') si qualificavano in base all'argomento trattato, in moda da distinguere un ''genus humile'' ('stile umile'), un ''genus mediocre'' ('stile medio') e un ''genus grave'' ('stile sublime').<ref name=treccanielocutio/>
111 123

contributi