Differenze tra le versioni di "Shintoismo"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  5 anni fa
nessun oggetto della modifica
(Elimino nota non funzionante, aggiusto incipit secondo quella funzionante)
Prevede l'adorazione dei ''[[kami]]'', un termine che si può tradurre come [[divinità]], [[spirito (filosofia)|spiriti]] naturali o semplicemente presenze spirituali<ref name="VocabolarioTreccani" />. Alcuni kami sono locali e possono essere considerati come gli spiriti guardiani di un luogo particolare, ma altri possono rappresentare uno specifico oggetto o un evento naturale, come per esempio [[Amaterasu]], la dea del Sole. Il [[Dio]] delle [[Religione monoteista|religioni monoteiste occidentali]] in [[Lingua giapponese|giapponese]] viene tradotto come {{nihongo|''kami-sama''|神様}}. Talvolta anche le persone illustri, gli eroi e gli antenati divengono oggetto di venerazione post-morte e vengono deificati e annoverati tra i kami.
 
La parola ''Shinto'' ha origine nel [[VI secolo]] quando divenne necessario distinguere la religione nativa del Giappone da quella [[buddismo|buddista]] di recente importazione, prima di quell'epoca non pare esserci stato un nome specifico per riferirsi ad esso.<ref>{{Cita|Picken 1994|p. xxii}}</ref><ref name="VocabolarioTreccani" /> ''Shinto'' è formato dall'unione dei due [[kanji]]: 神 ''[[shin]]'' che significa "divinità", "spirito" (il carattere può essere anche letto come ''kami'' in giapponese ed è a sua volta formato dall'unione di altri due ideogrammi 示 "altare" e 申 "parlare, riferire"; letteralmente ciò che parla, si manifesta dall'altare. 申 ne determina anche la lettura) e 道 ''to'' in cinese [[Tao]] ("via", "sentiero" e per estensione; in senso filosofico rende il significato di pratica o disciplina come in [[Jūdō|Judo]] o [[KarateKaratedo]]do o ancora [[Aikido]]). Quindi, ''Shinto'' significa letteralmente "via del divino".<ref>{{Cita|Picken|pp. xxi-xxii}}</ref><ref name="VocabolarioTreccani" /> In alternativa a ''Shinto'', l'espressione puramente giapponese — con il medesimo significato — per indicare lo Shintoismo è ''Kami no michi''.<ref>{{Cita|Hartz 2009|p. 10}}</ref>
Il termine "shinto" viene adoperato anche per indicare il corpo del nume, ovvero la reliquia presso cui il kami partecipa materialmente (per esempio una spada sacra).
 
1 226

contributi