Differenze tra le versioni di "Pietro Massimo"

Ho aggiunto "Maddaleni" al nome di Giulia Capodiferro, in quanto figlia di Evangelista Maddaleni Capodiferro di Pigna (famiglia emersa alla fine del Trecento) e non appartenente ai Capodiferro di Regola (di antica nobiltà).
(Ho aggiunto "Maddaleni" al nome di Giulia Capodiferro, in quanto figlia di Evangelista Maddaleni Capodiferro di Pigna (famiglia emersa alla fine del Trecento) e non appartenente ai Capodiferro di Regola (di antica nobiltà).)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
Primogenito del ricco mercante e speziale [[Massimo di Lello di Cecco]] e di Francesca di Mancino de Lutiis (morta nel 1447)<ref>Anna Modigliani, «[http://www.treccani.it/enciclopedia/massimo-massimo_%28Dizionario-Biografico%29/ MASSIMO, Massimo (Massimo di Lello di Cecco)]». In: ''[[Dizionario Biografico degli Italiani]]'', Vol. LXXII, Roma: Istituto della Enciclopedia italiana, 2009</ref>, lavorò nella spezieria del padre in [[Pantheon (Roma)|piazza della Rotonda]] e, dopo la morte del padre ([[1465]]) diresse un'altra attività commerciale situata la sua abitazione nel [[Parione]] in società con Antonio de Personis. Aveva ereditato dal padre numerose proprietà immobiliari e numerose attività commerciali e finanziarie, la più redditizia delle quali fu un [[Banca#La banca nell'antichità|banco]] a [[Campo de' Fiori]] gestito assieme al fratello Francesco (morto nel [[1471]]). Un'abitazione dei due fratelli, posta lungo la [[Via Giulia|via Mercatoria]], ospitò tra il [[1467]] e il [[1475]] la tipografia di [[Konrad Sweynheim]] e [[Arnold Pannartz]], come si desume dal colophon in [[lingua latina]] «''Romae iuxta Campum Flore in domo Petri et Francisci de Maximis''» (in [[lingua italiana|italiano]]: "Roma, presso Campo d' Fiori nell'abitazione di Pietro e Francesco de Maximis"). Probabilmente la stessa casa ospiterà nel secolo successivo le officine di [[Eucario Silber]] e di [[Antonio Blado]]<ref>F. Barberi, «[http://www.treccani.it/enciclopedia/antonio-blado_%28Dizionario-Biografico%29/ BLADO, Antonio]». In: ''Dizionario Biografico degli Italiani'', Vol. X, Roma: Istituto della Enciclopedia italiana, 1968</ref>.
 
Come suo padre, Pietro Massimo ricoprì alcuni incarichi pubblici (Depositario dello ''Studium Urbis'' nel [[1471]], conservatore nel [[1480]], membro di una missione diplomatica presso [[Ferdinando I di Napoli|Ferdinando d'Aragona]] nel [[1482]]); inoltre si preoccupò dei problemi ereditari o matrimoniali dei familiari. Lasciò erede universale il figlio [[Domenico Massimo|Domenico]] al quale fece sposare Giulia Maddaleni Capodiferro, un'aristocratica. Inaugurò così l'operazione per mezzo della quale una [[Massimo (famiglia)|facoltosa famiglia]] di estrazione popolare attraverso una falsificazione genealogica fece risalire le origini a personaggi dell'[[antica Roma]].
 
== Note ==
95

contributi