Soggetto Oggetto Verbo: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
(Da "nederlandese" a "olandese")
Etichette: Modifica visuale Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica visuale Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Questo tipo di [[sintassi]] è la più comune tra le lingue naturali ed è utilizzata nel [[Lingua sarda|sardo]], [[Lingua siciliana|siciliano]], [[Dialetto salentino|salentino]], [[Lingua turca|turco]], [[Lingua giapponese|giapponese]], [[Lingua coreana|coreano]], [[Lingua ungherese|ungherese]], [[Lingua mancese|mancese]], [[Lingua mongola|mongolo]], [[Lingua ainu|ainu]], [[Lingua nivkh|nivkh]], [[Lingua yukaghir|yukaghir]], [[Lingua itelmen|itelmen]], [[Lingua persiana|persiano]], [[Lingua pashtu|pashtu]], [[Lingua curda|curdo]], [[Lingua burushaski|burushaski]], [[Lingua basca|basco]], [[Lingua latina|latino]], [[Lingua birmana|birmano]], [[Lingua tibetana|tibetano]], [[Lingua amarica|amarico]], [[Lingua tigrina|tigrino]], [[Lingua abcasa|abcaso]], [[Lingua abaza|abaza]], [[Lingua adyghe|adyghe]], [[Lingua avara|avaro]], [[Lingua cabardina|cabardino]], [[Lingua sumera|sumero]], [[Lingua accadica|accadico]], [[Lingua elamitica|elamitico]], [[Lingua ittita|ittita]], [[Lingua navajo|navajo]], [[Lingua hopi|hopi]], [[Lingua aymara|aymara]], [[Lingua quechua|quechua]], [[Lingua pali|pāli]], [[Lingua nepalese|nepalese]], [[Lingua cingalese|cingalese]] e in gran parte delle [[lingue dell'India|lingue indiane]]. Anche la [[Lingua dei segni italiana]], una lingua visivo-gestuale, presenta i segni (le parole) delle frasi affermative in ordine SOV mentre la [[Lingua dei segni americana]] è [[Soggetto_Verbo_Oggetto|SVO]].
 
Il [[Lingua tedesca|tedesco]] ed l' [[Olandese|o]][[Lingua olandese|landese]] sono considerate lingue SVO nella tipologia convenzionale e SOV per quanto riguarda la [[grammatica generativa]] (vedi [[sintassi V2]]). Il [[Lingua francese|francese]], il [[Lingua portoghese|portoghese]], lo [[Lingua spagnola|spagnolo]] e l'[[Lingua italiana|italiano]] sono SVO, ma usano la sintassi SOV quando un pronome è usato (direttamente o indirettamente) al posto dell'oggetto: ad esempio, "''Mario a mangé des oranges''", "''Mario comeu laranjas''", "''Mario comió naranjas''" o "''Mario ha mangiato delle arance''" può diventare "''Mario les a mangées''", "''Mario as comeu''", "''Mario las comió''" o "''Mario le ha mangiate''". Questo genere di sintassi è usata raramente anche in [[Lingua inglese|inglese]] sotto [[licenza poetica]], specialmente nelle opere di [[William Shakespeare]].
 
Le lingue SOV hanno una forte tendenza ad usare postposizioni anziché [[Preposizione|preposizioni]], a porre i [[Verbo|verbi ausiliari]] dopo il verbo principale, a porre il [[complemento di specificazione]] (o il nome in [[genitivo]]) prima del nome del posseduto, e a porre i subordinatori alla fine delle proposizioni subordinate. Quando il [[pronome relativo]] precede il nome a cui si riferisce ci si trova in genere di fronte a una lingua SOV, ma non vale il contrario: nelle lingue SOV è ugualmente comune che il pronome relativo si trovi prima o dopo il nome. Alcune hanno alcune [[particella grammaticale|particelle]] speciali per distinguere tra soggetto e oggetto, come i giapponesi ''ga'' e ''o''. Si osserva inoltre come le lingue SOV abbiano la tendenza a preferire un ordine [[Tempo Modo Luogo]] (ad esempio "oggi vado con la macchina a Roma" invece di "oggi vado a Roma con la macchina"). In [[Eurasia]] le lingue SOV spesso pongono gli [[aggettivo|aggettivi]] prima dei nomi che specificano, e questa è spesso citata come una tendenza universale delle lingue SOV; tuttavia, al di fuori dell'Eurasia le lingue SOV generalmente pongono l'aggettivo dopo il nome che specificano.
Utente anonimo