Differenze tra le versioni di "Jia Zhangke"

1 524 byte aggiunti ,  3 anni fa
nessun oggetto della modifica
(Fix wikilink)
|Cognome = Jia
|CognomePrima = zh
| PostCognome = ({{Cinese|贾樟柯|Jiǎ Zhāngkē}})
|Sesso = M
|LuogoNascita = Fenyang
|GiornoMeseMorte =
|AnnoMorte =
|Epoca = XX
|Epoca2 = XXI
|Attività = regista
|Attività2 = scrittore
|Attività3 = sceneggiatore
|AttivitàAltre = e [[produttore cinematografico|produttore]]
|Epoca = XX
|Epoca2 = XXI
|Nazionalità = cinese
| PostNazionalità = , figura portante della 'sesta generazione' del [[cinema cinese]]
|Immagine = Jia Zhangke cropped.jpg
|Didascalia = Jia Zhangke alla [[Mostra del Cinema di Venezia]] del [[2008]]
 
== Biografia ==
Studia [[pittura]], si interessa di [[letteratura]] e pubblica il suo primo romanzo, appena ventenne, nel [[1991]]. Due anni dopo entra all'accademia di cinema di [[Pechino]], dove fonda il gruppo cinematografico sperimentale giovanile, la prima organizzazione indipendente del genere in [[Cina]]. Con il gruppo realizza due video che ricevono, entrambi, un premio.<ref>{{Cita web|url=http://web.archive.org/web/20070912100243/http://www.sensesofcinema.com/contents/directors/03/jia.html|titolo=Jia Zhangke|data=2007-09-12|accesso=2016-05-23}}</ref>
Jia Zhangke nasce nel paesino di Fenyang ([[Shanxi]]) e nel [[1991]], a 21 anni, pubblica il suo primo romanzo. Due anni dopo entra in una accademia cinematografica. Successivamente fonda un gruppo di [[cinema sperimentale]] con il quale lavora a due film che vengono premiati.
 
Nel [[1997]], riceve il diploma dell'accademia e realizza il suo primo lumgometraggio ''[[Xiao Wu|Xiao wu]]'' (Pickpocket) presentato con successo al [[Festival internazionale del cinema di Berlino|festival di Berlino]] ([[1998]]) ma censurato in [[patria]]. Tema centrale delle sue opere è la Cina odierna con i suoi costanti cambiamenti e il feroce impatto con la modernità. Influenzato dal cinema europeo, in particolare dalla [[Nouvelle Vague|nouvelle vague francese]] ([[Jean-Luc Godard|Godard]] e [[Robert Bresson|Bresson]]) e dal [[Neorealismo (cinema)|neorealismo italiano]] ([[Vittorio De Sica|De Sica]] e [[Pier Paolo Pasolini|Pasolini]]), ha diretto, tra gli altri film: ''[[Platform (film)|Platform]]'' ([[2000]]); ''[[Unknown Pleasures|Unknow pleasures]]'' ([[2002]]); ''[[The World - Shijie]]'' ([[2004]]); ''[[Still Life (film 2006)|Still life]]'' ([[2006]]), [[Leone d'oro]] alla [[Mostra internazionale d'arte cinematografica|Mostra del cinema di Venezia]]; ''[[24 City]]'' ([[2008]]); il documentario ''Yuu'' ([[2011]]); nel [[2013]], ''[[Il tocco del peccato]]'', premio per la migliore sceneggiatura al [[Festival di Cannes 2013|Festival di Cannes]] dello stesso anno; ''[[Al di là delle montagne]]'' ([[2015]]).<ref>{{Cita web|url=http://www.mymovies.it/biografia/?r=20411|titolo=Jia Zhang-Ke {{!}} MYmovies|cognome=Milano-Firenze|nome=Mo-Net s.r.l.|sito=www.mymovies.it|accesso=2016-05-23}}</ref><ref>{{Cita libro|autore=Michael Berry|titolo=Jia Zhangke's 'Hometown Trilogy': Xiao Wu, Platform, Unknown Pleasures|anno=2009|editore=Palgrave Macmillan|città=|p=|pp=|ISBN=9781844575503}}</ref>
=== Autoproduzioni ===
Nel [[1997]] riceve il diploma dell'accademia e lavora sul suo primo [[lungometraggio]] ''[[Xiao Wu]]'', premiato al [[Festival di Berlino]]. Il film verrà censurato dal governo cinese ma è un successo commerciale (50 mila dollari). Da qui inizia il sodalizio artistico con [[Takeshi Kitano]], che gli permette di realizzare il suo secondo lungometraggio: [[Zhantai|''Zhantai'']], premiato al [[Festival di Venezia]].<ref>{{cita web|url=http://www.mymovies.it/biografia/?r=20411|titolo=Jia Zhang-Ke|editore=mymovies.it|accesso=8 febbraio 2014}}</ref> Nel 2002 vince il [[Festival internazionale di Marsiglia]] con il cortometraggio ''Gong gong chang suo.''
 
=== L'approvazione del governo cinese ===
Nel [[2004]] il governo cinese decide di produrre i film di Jia Zhangke, poiché vengono approvati i temi da lui trattati. Il primo film dopo il superamento del modello di autoproduzione è ''[[The World - Shijie]]'', ben accolto da critica e pubblico. Nel [[2006]] torna alla sperimentazione digitale con il film [[Still Life (film 2006)|''Still Life'']] con il quale vince il [[Leone d'oro]] al [[Festival di Venezia]].<ref>{{Cita web|url=http://www.treccani.it/enciclopedia/jia-zhangke/|titolo=Zhangke, Jia|sito=www.treccani.it|accesso=2016-05-23}}</ref>
 
Nel [[2004]] il governo cinese decide di produrre i film di Jia Zhangke, poiché vengono approvati i temi da lui trattati. Il primo film dopo il superamento del modello di autoproduzione è ''[[The World - Shijie]]'', ben accolto da critica e pubblico. Nel [[2006]] torna alla sperimentazione digitale con il film [[Still Life (film 2006)|''Still Life'']] con il quale vince il [[Leone d'oro]] al [[Festival di Venezia]].
 
== Filmografia ==
 
=== Cortometraggi ===
=== Regista ===
 
==== Cortometraggi ====
*''Zai Beijingde yi tian'' (''One Day in Beijing'', [[1994]])
*''Xiao Shan hui jia'' (''Xiao Shan Going home'', [[1995]])
* ''Ren zai mai tu'' (''Smog Journeys'', [[2015]])
 
==== Documentari ====
* ''[[Dong (film)|Dong]]'' (''East'', [[2006]], documentario, anche sceneggiatore)
* ''[[Wuyong]]'' (''Useless'', [[2007]], documentario, anche sceneggiatore)
* ''[[Venice 70: Future Reloaded]]'' (2013, documentario collettivo)
 
==== Lungometraggi ====
*''[[Xiao Wu]]'' (''The Pickpocket,'' [[1997]], anche sceneggiatore e produttore)
*''[[Platform (film)|Platform]]'' (''Zhantas'', [[2000]], anche sceneggiatore e produttore)
821

contributi